LE INTERVISTE DEL PASSAPAROLA DEI LIBRI – Libreria Ticinum

Libreria Ticinum

IL PASSAPAROLA DEI LIBRI HA INTERVISTATO Elisabetta Balduzzi della Libreria Ticinum Voghera (PV)

Parlateci  di  voi.  Chi  siete  e  quando  nasce  la  vostra  attività?

Mi  chiamo  Elisabetta  Balduzzi  e  inizio  a  fare  la  libraria  qui,  dove  lo  sono  ancora  alla  Libreria   Ticinum  di Voghera,  nella  primavera  del  1996,  durante  la  mia  seconda  gravidanza  (Marta  nascerà  a luglio). Sono  sempre stata  nella  sede  storica  di  Via  Bidone  e  ho  superato  e  resistito  a  24  anni di trasformazioni  sociali,  storiche, economiche  e  rivoluzioni  digitali.

Che  tipo  di  lettori  frequenta  la  vostra  libreria?

Libreria Ticinum Voghera

Molto  variegato  per  età  e  per  interessi.  La  libreria  ha  sempre  creduto  in  un  reparto  di  edizioni  e   libri  locali  e per  questo  è  diventata  un  punto  di  riferimento  per  la  città  e  tutto  l’Oltrepò  Pavese,  ma   ha  sempre  dato  molto spazio  alla  letteratura  per  l’infanzia,  con  una  curata  selezione  di  titoli  a   partire  dai  lettori  più  piccoli accompagnandoli  fino  all’adolescenza.  Senza  dimenticare  i  lettori   molto  esigenti  che  trovano  nella  nostra  libreria indipendente  una  selezione  molto  precisa  di  titoli  e   autori  di  qualità.

 

 

Lettori  si  nasce  o  si  diventa?

Assolutamente  si  diventa.  Non  c’è  un  dna  della  lettura.

Essere  librai  nel  2020,  che  cosa  è  cambiato  nel  mestiere  di  libraio  e  nel  ruolo  del  lettore,  negli   ultimi anni?

ticinum libreria VogheraData  la  mia  esperienza,  in  un  quarto  di  secolo  è  cambiato  davvero  tutto,  rispetto  agli  anni   novanta.  Come libraia  mi  sono  dovuta  adattare  ai  cambiamenti  sociali,  all’avvento  della   tecnologia,  alle  crisi  economiche, cercando  sempre  nuove  soluzioni  e  nuovi  modi  di  fare  il  mio   lavoro.  Il  mio  ruolo  di  libraio  è  diventato sempre più  difficile,  ma  sempre  più  necessario,  come   guida  in  un  mondo  editoriale  che  sforna  novità  su  novità, capolavori  su  capolavori  come  dicono  gli   uffici  stampa.  Il  librario  deve  conosce  i  suoi  lettori  e  consigliarli,  e capire  subito  i  nuovi  clienti  e   indirizzarli  alle  loro  esigenze.  E’  un  lavoro  che  richiede  studio,  ricerca,  letture continue  ed  empatia   con  il  lettore.   Il  lettore  non  cambia,  ha  sicuramente  molti  più  stimoli  editoriali  e  di intrattenimento.  I  lettori  forti   sono  sempre  più  forti.  In  compenso  si  vendono  più  libri  ad  un  pubblico  molto più  variegato. Inoltre sette anni fa la libreria è diventata anche editore, per reagire alla crisi, per rispondere a quella che sentivamo essere una esigenza territoriale, e ad oggi, abbiamo in catalogo una settantina di pubblicazioni. La casa editrice porta il nome della libreria: Libreria Ticinum Editore.

 

Lettura  e  reti  sociali:  che  cosa  ne  pensate  di  questo  binomio?

E’  un  binomio  perfettamente  compatibile:  sta  alla  propria  intelligenza  riuscire  a  trovare  spazio  per   entrambi nella  propria  quotidianità.  Le  reti  hanno  creato  delle  comunità  di  lettori  forti  che  sono   molto  importanti  e determinano  spesso  la  fortuna  di  un  libro.  Sui  social  si  trova  di  tutto,  anche   critiche  o  giudizi  fatti  da  persone incompetenti  che  magari  non  hanno  letto  il  libro  o  giudicano  la   persona.  E’  bene  imparare  a  usare  i  social  e non  a  farci  usare  da  loro.

Si  può  essere  “social”  continuando  a  essere  lettori?

Ricordo  un  adolescente  che  un  giorno  mi  ha  detto:  “amo  leggere,  giocare  alla  playstation  e   passare  un  po’  di tempo  sui  social.  Vado  a  scuola,  studio  e  riesco  a  fare  tutto.  Sono  io  che  decido   quanto  tempo  dedicare  ai miei  interessi.”

Quanto  e  come  siete  presenti  sulle  reti  sociali  e  che  impatto  hanno  queste  sulla  vostra  attività?

Come  libraria  sono  presente  su  Facebook  con  la  pagina  della  Libreria  Ticinum  e  con  il  gruppo  Amici   della Libreria  Ticinum  che  cerco  di  utilizzare  al  meglio  per  fare  comunicazione,  così  come  su   Istagram.  Il  riscontro c’è perché  oggi  i  social  sono  le  autostrade  della  comunicazione.

Nel  nostro  gruppo  ci  sono  titoli  che  ormai  hanno  raggiunto  lo  stato  di  “libri  di  culto”  o  veri  e   propri tormentoni  come  la  saga  dei  Cazalet  o  i  Leoni  di  sicilia,  non  sempre  a  causa  della  loro  qualità   artistica ma  grazie,  soprattutto,  a  un  passa  parola  costante  sulle  reti  sociali:  quali  sono  i  titoli  il  cui   successo  vi ha  maggiormente  stupito  e  che  idea  vi  siete  fatti  del  motivo  di  questo  successo?

Negli  anni  ho  visto  successi  molto  diversi.  Dalla  saga  di  Harry  Potter  al  Codice  da  Vinci  ma  anche   long  seller come  La  ragazza  con l’orecchino  di  perla  che  non  andava  mai  in  classifica  e  faceva  una   nuova  edizione  ogni mese.  Libri  molto  diversi  tra  cui  anche  libri  orrendi  come  Le  cinquanta   sfumature  di  grigio.  Il  successo  non corrisponde  sempre  alla  qualità  letteraria  dell’opera.  Oggi   sono  di  moda  le  saghe,  pensiamo  a  quelle  di Montalbano,  le  narrazioni  lunghe,  come  quella  di Elena  Ferrante,  amate  da  un  pubblico  che  segue  e  ama  le saghe  televisive.

 

 

 

Qual  è  il  titolo  che,  secondo  voi,  diventerà  il  prossimo  tormentone?

Non  ho  la  sfera  magica  in  tasca.  Vorrei  che  diventassero  tormentoni  dei  bei  libri  di  vera   letteratura.

In  molti,  sul  nostro  gruppo,  si  lamentano  del  fatto  che  è  diventato  molto  difficile  invogliare  alla   lettura i  giovanissimi:  in  base  alla  vostra  esperienza  è  vero  che  i  ragazzi  leggono  sempre  di  meno?

Voghera libreria Ticinum Esiste  una  strategia  che  scrittori,  librerie,  case  editrici  o  chiunque  abbia  a  che  fare  con  giovani   lettori  potrebbe utilizzare  per  interessarli  di  più?     I  ragazzi  leggono  di  meno  rispetto  alle  ragazze,  ma  il  successo  dei  cosiddetti young  adults  dimostra   che  l’editoria  è  attenta  a  conquistare  con  nuovi  prodotti  editoriali,  talvolta  discutibili, nuove  fasce   di  lettori.  Non  dimentichiamo  che  la  famiglia  è  fondamentale  per  crescere  futuri  lettori.  Se  un   padre  va  a  pesca  con  il  figlio,  il  figlio  diventerà  sicuramente  un  pescatore,  così  se  un  padre  legge  è   più probabile  che  il  figlio  leggerà  anche  da  grande.  I  genitori  dovrebbero  leggere  e  portare  i  figli  in   libreria  e  in biblioteca.  Non  basta  scaricare  tutto  il  ruolo  educativo  sulla  scuola.     Io  come  libraia  organizzo  in  continuazione letture  per  bambini  o  momenti  di  confronto  con  i   ragazzi  anche  coinvolgendo  le  scuole  per  sensibilizzarli  e invogliarli  a  venire  in  libreria  anche  solo   per  fare  un  giro.

Come  vi  ponete  nei  confronti  della  lettura  digitale?  La  considerate  una  risorsa  o  una  minaccia  per   la vostra  attività  per  il  futuro  dell’editoria?

E’  sicuramente  una  risorsa  come  tutte  le  innovazioni  tecnologiche.  Il  libro  sopravviverà  perché  ha   una  storia che dimostra  come  la  carta  sia  una  tecnologia  superiore  a  quella  dei  devices.  La  lettura   digitale  nella  sua  poca storia  ha  dimostrato  che  è  e  sarà  sempre  il  libro  cartaceo  a  tenere  in  piedi   l’industria  editoriale.

 

Consigliate  tre  libri  secondo  voi  imperdibili  ai  nostri  lettori  motivandone  la  scelta.

Concedetemi  un  po’  di  campanilismo  ma  il  primo  libro  secondo  me  imperdibile  è  Ritratti  italiani   del  vogherese Alberto  Arbasino,  pubblicato  da  Adelphi,  che  con  la  sua  scrittura  virtuosa,   intelligente,  pettegola,  caustica  e irriverente  ma  capace  sempre  di  cogliere  nel  segno  anche  da  un   punto  di  vista  civile,  è  annoverato  tra  i migliori  autori  italiani  contemporanei.   Il  secondo  libro  che  consiglio  è  Radiosa  aurora  di  Jack  London  pubblicato da  Lindau.  E’  poco   conosciuto  ma  un  vero  capolavoro  dell’autore,  purtroppo  famoso  solo  per  i  suoi  romanzi come   Zanna  Bianca  e  Il  richiamo  della  foresta  che  non  sono  solo  libri  per  ragazzi.   Terzo  ma  non  ultimo  un libro  di  racconti,  che  pochi  amano  leggere,  purtroppo,  ma  che  sono  una   forma  narrativa  straordinaria,  di Nadine  Gordimer,  Il  saccheggio,  pubblicato  da  Feltrinelli.  L’eredità   coloniale,  il  rapporto  tra  razze  diverse,  le ingiustizie  sociali,  l’amore  e  la  morte.  E’  un  libro  che   invita  a  riflettere  sul  mondo  di  oggi.  Leggetelo,  da  non perdere.

redazione@unlibrotiralaltroovveroilpassaparoladeilibri.it

 

 

 

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.