2021: IL BILANCIO DI UNA LETTRICE VORACE

2021: IL BILANCIO DI UNA LETTRICE VORACE

 

Buongiorno! Siamo alla fine dell’anno, ed è tempo di bilanci…

Chiudo l’anno con 29 libri letti, tante emozioni vissute, tante vite attraversate, tanti luoghi visitati con la mente e con il cuore.

E’ sempre difficile stilare una Top Ten dei migliori titoli letti quest’anno, ma alla fine eccola qui:

1. Il giorno dei morti – Maurizio De Giovanni. Una storia indimenticabile, un’indagine nella Napoli degli Anni Trenta tra luci e ombre, un protagonista – il Commissario Ricciardi – che emoziona e sorprende. Imperdibile.

2. Album di famiglia – Nando Dalla Chiesa. Una testimonianza molto toccante, ogni capitolo dedicato ad un ricordo, un oggetto o una persona che hanno segnato i giorni di un ragazzo prima, e un uomo poi, alle prese con una vita che non gli ha risparmiato grandi dolori ma anche tanto amore.

3. Io sono la Strega – Marina Marazza. Un affresco storico a due voci nell’Italia del Nord del Seicento, una storia avvincente narrata in modo sublime.

4. Il posto di ognuno – Maurizio De Giovanni. Un intreccio davvero ben costruito per una storia credibile con una soluzione intelligente, una ricostruzione storica dell’Italia del Ventennio davvero affascinante. De Giovanni non si smentisce.

5. Cuccioli per i Bastardi di Pizzofalcone – Maurizio De Giovanni. Idem, come sopra. De Giovanni colpisce e affonda anche quando ad indagare sono poliziotti del Duemila. Tra forza e debolezza, i protagonisti risultano personaggi sempre credibili a cui è impossibile non affezionarsi.

6. Mio caro serial killer – Alicia Gimènez-Bartlett. In questa classifica non poteva mancare lei, la mia giallista spagnola preferita, che con quest’ultima indagine di Petra Delicado regala al lettore una bellissima prova narrativa, tra colpi di scena e scioccanti rivelazioni. Sempre ben scritto, davvero consigliato.

7. Il prigioniero del cielo – Carlos Ruiz Zafòn. Il Cimitero dei Libri Dimenticati torna con questo terzo romanzo, focalizzato sulla storia di Fermìn, un personaggio davvero unico nel panorama letterario internazionale. Tra fughe che nemmeno il Conte di Montecristo e rivelazioni sorprendenti, la storia scorre via veloce in un intreccio indimenticabile, come solo il compianto Zafòn sapeva offrire al lettore. Da leggere.

8. I gerani di Barcellona – Carolina Pobla. Un intenso romanzo dedicato alla storia della famiglia Torres, tra giorni felici e periodi difficili in una Barcellona d’altri tempi molto affascinante. Una lettura consigliata, per chi ama i romanzi storici e per chi cerca un buon romanzo capace di regalare emozioni.

9. La scomparsa di Stephanie Mailer– Joel Dicker. Un thriller ben scritto, a cavallo tra passato e presente (nel pieno stile dell’autore), pieno di colpi di scena e rivelazioni inquietanti. Per chi ha amato La verità sul caso Harry Quebert, una lettura imperdibile e molto scorrevole.

10. Memorie di una maitresse americana – Nell Kimball. Il libro che non ti aspetti: una storia tremendamente realistica, una narrazione in prima persona che ti colpisce come un pugno allo stomaco. Consigliato per chi non ama i pregiudizi, e per chi cerca una lettura al di fuori dei soliti schemi.

Menzioni speciali (perchè non potevo non citarli) per:
Non avrete il mio odio – Antoine Leiris. La testimonianza toccante di un marito che ha perso la moglie nella mattanza del Bataclan e che si ritrova a dover fare i conti con il proprio dolore. Intenso.
Per amore, solo per amore – Pasquale Festa Campanile. La storia di Giuseppe e del suo legame con Maria, un romanzo intimo e molto credibile, al di là delle credenze religiose.
Assassinio sul Nilo – Agatha Christie. Poirot che indaga su un battello durante una crociera sul Nilo è qualcosa da non perdere.

Di Eleonora Saia

Vai al bilancio 2020 di una lettrice vorace

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.