Premio Strega 2022: quella strana cinquina!

Premio Strega 2022: quella strana cinquina!

A sorpresa per ragioni di regolamento i cinque libri finalisti della LXXVI edizione diventano sette

 

NIENTE DI VERO, di Veronica Raimo (Einaudi – febbraio 2022)

 

ACQUISTALO SU IBS ACQUISTALO SU LA FELTRINELLI ACQUISTALO SU LIBRACCIO

 

Le storie che ci riguardano se inserite in una cornice letteraria diventano meno ingombranti, persino in grado di farci ridere. Ed è liberatorio spolverare il nostro vissuto con i panni in fibra contemporanea.

Con questo nuovo romanzo, Veronica Raimo si tuffa nelle sue stigmate identitarie. Nella noia della sua infanzia e adolescenza. Nella culla della famiglia che dissacra, contesta e deride. Nelle sue prime esperienze sociali dove la sua equazione ha incognite sconosciute e di ostica comprensione. “Niente di vero” non racconta niente di scontato, né si presenta come romanzo di formazione vero e proprio. Sono gli anni in cui ci si forma, certo, ma quello che racconta Veronica Raimo è scomodo, antieroico, antiestetico. Rispetto ai libri precedenti…leggi tutta la recensione

 

 

 

E POI SAREMO SALVI, di Alessandra Carati (aprile 2021)

 

ACQUISTALO DA IBS ACQUISTALO DA FELTRINELLI ACQUISTALO DA LIBRACCIO

 

Aida ha sei anni, quando a causa del dilagare del conflitto con la Serbia è costretta a scappare dalla sua terra, la Bosnia, dove vive con la sua famiglia in un piccolo villaggio che l’ha vista nascere.

È il 1992 e dopo aver sotterrato nella terra intorno alla sua casa le tanto amate bambole di porcellana per paura che si rompano, Aida parte in un lungo viaggio in cui sua madre, incinta del fratello, porta con sé soltanto documenti e qualche foto, così come le aveva chiesto suo marito, che le aspetta alla frontiera.

La fuga è un quadro realistico di ciò che la guerra significa per chi è costretto a…leggi tutta la recensione

RANDAGI, di Marco Amerighi (Bollati Boringhieri – agosto 2021)

 

ACQUISTALO DA IBS ACQUISTALO DA FELTRINELLI ACQUISTALO DA LIBRACCIO

Marco Amerighi, autore pisano, ambienta nella sua città la storia di una famiglia apparentemente strampalata nella quale però i legami, seppur taciuti, sono insospettabilmente forti. Pietro, il figlio minore, ci racconta in queste pagine tutto il doloroso travaglio che gli è stato necessario affrontare per diventare uomo. Un genitore di certo non fatica a riconoscere nello sguardo disorientato e disperato del protagonista quello degli adolescenti di oggi.

Pietro, appassionato e talentuoso pianista, terminati gli studi vede svanire i suoi progetti. Come ricomporre i cocci dei sogni infranti? L’esperienza purtroppo non è nuova nella famiglia Benati, non è facile ritrovare la forza ed il coraggio per affrontare la vita, che – a sorpresa – ci…leggi tutta la recensione

SPATRIATI, di Mario Desiati (Einaudi – aprile 2021)

 

Mi piace Desiati, mi piace il suo modo di parlare della mia generazione (i quarantenni di oggi), il suo modo di raccontare la mia terra con i suoi odori, colori, tradizioni, modo di pensare, di “mettersi”, il suo sguardo aperto verso il mondo, ma sempre, in qualche modo, ancorato alle origini, la dolcezza e la ruvidezza che si incontrano e si scontrano nella sua scrittura dando forma alla reale consistenza della vita.

Un libro di partenze, di ritorni, di amore e sesso vissuti senza il peso del giudizio, di ricerca interiore e liberazione dalle catene mentali.

Spatriati, ovvero “spatriètə” in dialetto martinese (Martina Franca, paese di origine dell’autore), non sono semplicemente coloro che sono senza patria, che sono andati via, ma sono gli…leggi tutta la recensione

QUEL MALEDETTO VRONSKIJ, di Claudio Piersanti (Rizzoli – marzo 2021)

 

quel maledetto vronskij
ACQUISTALO SU IBS ACQUISTALO SU LA FELTRINELLI ACQUISTALO SU LIBRACCIO

“Se cercate un libro malinconico, che però una volta terminato vi lasci circonfusi da un alone di felicità, il nuovo romanzo di Claudio Piersanti fa per voi”. Un menage familiare magistralmente raccontato senza…leggi tutta la mini recensione

 

 

NOVA, di Fabio Bacà  (Adelphi – ottobre 2021)

 

Sam Peckimpah ne fu il cantore, la violenza nelle sue pellicole veniva presentata in toni elegiaci, le sue regie la rendevano affascinante tanto da diventare l’essenza della sua poetica.

In questo secondo romanzo di Fabio Bacà, al contrario ĺa violenza, almeno all’inizio, sembrerebbe non avere spazio, in famiglia la si rifiuta da sempre come scelta di vita, di civiltà. Lui, stimato neurochirurgo, lei logopedista e vegana e il loro figlio adolescente non la considerano una…leggi tutta la recensione 

NINA SULL’ARGINE, di Veronica Galletta (Minimum Fax – ottobre 2021)

 

ACQUISTALO SU LA FELTRINELLI ACQUISTALO DA IBS ACQUISTALO DA LIBRACCIO

 

 

redazione@unlibrotiralaltroovveroilpassaparoladeilibri.it

 

 

 

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.