Premio Bancarella 1970: NIENTE E COSÌ SIA Oriana Fallaci

Niente e così sia Oriana Fallaci

NIENTE E COSÌ SIA, di Oriana Fallaci

Il libro si apre con una domanda esistenziale: la vita , cos’è?

Niente e così sia o. Fallaci
ACQUISTALO SU IBS ACQUISTALO SU LA FELTRINELLI ACQUISTALO SU LIBRACCIO

E un ‘Oriana ancora ignara e inconsapevole delle vicende che l’avrebbero attesa , risponde con una definizione quasi schematica: ” la vita è il tempo che passa fra il momento in cui si nasce e il momento in cui si muore “.

Non saprà che, tutto quello che avrebbe vissuto di lì a poco ,avrebbe contribuito a definire, finalmente, una risposta completa, realistica ed esaustiva al quesito intorno al quale si snoda tutta la vicenda.

In un tempo che vedeva ancora pochi inviati di guerra donna , l’autrice parte alla volta del Vietnam per andare a vedere con i propri occhi cosa fosse la guerra e poterla così raccontare agli europei, semplici spettatori di uno dei massacri più cruenti e ingiusti della storia del secondo dopoguerra.
Il libro viene definito dalla critica come crudo e violento ma l’autrice difende l’attacco rispondendo: ” ho solo voluto raccontare la guerra a chi non l’aveva mai vista”.
Cosa ci si deve aspettare quindi?
Descrizioni perfettamente realistiche senza omettere nessun dettaglio. È tutto scritto lì, nero su bianco : sangue, violenza e ferocia di uomini contro gli uomini , adulti , donne , donne incinte , bambini, anziani, indifesi.
E ci si deve prendere un momento subito dopo aver letto certi passaggi , perché difficile realizzare o concepire quanto appreso.
Ma effettivamente questa è la guerra.
Gli occhi dell’autrice diventano una perfetta macchina fotografica che cattura e propone all’europeo tranquillo nella sicurezza della propria casa, l’orrore di giorni ,mesi e anni da Saigon ai villaggi più remoti.
Interessante l’analisi dei diversi punti di vista e la loro messa in discussione : dei nordvietnamiti, dei sudvietnamiti , del soldato americano semplice che esegue gli ordini. Dei generali americani che gli ordini , invece, li impartiscono.
Dei vietcong, della popolazione indifesa a cui non interessa chi vince o chi perde perché da sempre abituata alla sofferenza, alla morte, allo straniero usurpatore.
Della stessa Oriana.
La vita cos’è? Fa da aprifila a tutta una serie di domande esistenziali e riflessioni sulla morte, gli uomini, la cultura Americana e occidentale, che l’autrice si propone e propone al lettore.
Quesiti importanti vengono mossi anche sull’Uomo , sulla sua morale e coscienza , mettendo in crisi la fiducia riposta in esso da parte dell’autrice.
Sempre affiancata dall’amico e capo redattore della France Press, François Pelou , definito dalla scrittrice ” la mia coscienza ” perché dotato di occhio critico e razionale (grazie alla sua esperienza pregressa come inviato durante la guerra di Corea ) rispetto agli sconvolgimenti emotivi di Oriana, novizia rispetto ai fatti narrati che l’hanno inevitabilmente coinvolta in prima persona.
Una nota personale.
È noto a tutti che Pelou sia stato il primo amore di Oriana. Ma ho apprezzato moltissimo che nel libro non sia stata fatta allusione alcuna alla loro relazione.
La scena è tutta della guerra in Vietnam.
Recensione di Giusy Shine
Su Bauzaar.it troverai oltre 3.000 prodotti per il tuo gatto. Scopri il tuo nuovo negozio di quartiere

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.