LA FELICITÀ DEL LUPO Paolo Cognetti

Su laFeltrinelli.it il regalo da Favola firmato Isabelle Allende
La felicità del lupo

LA FELICITÀ DEL LUPO, di Paolo Cognetti

 

Dopo la vittoria del premio Strega 2017, Paolo Cognetti torna sulle sue montagne con un romanzo in cui, come lui stesso ha dichiarato, avrebbe potuto essere il protagonista.

“La felicità del lupo” è la storia di Fausto, scrittore quarantenne di poco successo e con un matrimonio finito male, che cerca rifugio sulle Alpi valdostane. È Babette ad aiutarlo offrendogli un lavoro da cuoco nel suo ristorante. Qui inizia una relazione con Silvia, una cameriera più giovane, e stringe amicizia con Santorso, un vero montanaro.

I dettagli non sono molti, i personaggi a poco a poco si schiudono, ma neanche tanto: sappiamo poco delle loro vite, e quasi nulla del loro passato. Persino le scene sono ridotte al minimo indispensabile. Eppure in un romanzo simile i particolari non servono, Cognetti lo sa, perché la vera protagonista è la montagna. Con i suoi boschi devastati dal vento, i suoi lupi, i caprioli, i mirtilli, i larici, la neve. E le sue tante storie. I personaggi principali sono fuggiti da qualcosa – una donna, una vita soffocante, un passato oscuro. E cercano una seconda possibilità. La montagna è indifferente ai loro sogni, eppure li rassicura. Così come il ristorante di Babette, e poi un rifugio a più di tremila metri.

Il romanzo, che non deluderà chi ama le atmosfere respirate in “Le otto montagne”, è disseminato di citazioni letterarie, rievoca Jack London e McCarthy, ma anche Karen Blixen, e si ispira alla struttura delle Trentasei vedute del monte Fuji. Molti sono però anche i riferimenti biografici. Cognetti ha fatto il cuoco per due anni proprio da Babette, un posto che esiste davvero, e scrive da quando ha 18 anni: prima de “Le otto montagne”, ha temuto che il successo potesse non arrivare, e anche lui aveva in mente di gestire un rifugio. Ma poi il pubblico lo ha premiato. Il personaggio di Fausto, come lui stesso ha dichiarato, “nasce da quella sliding door, poteva andare anche a me così.”

Recensione di Massimiliano Caruso
LA FELICITÀ DEL LUPO Paolo Cognetti

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.