LE INTERVISTE DEL PASSAPAROLA DEI LIBRI – Libreria Ulisse Bologna

Einaudi
Libreria Ulisse Bologna

IL PASSAPAROLA DEI LIBRI HA INTERVISTATO Gian Luca Tugnoli della Libreria Ulisse Bologna

Parlateci di voi. Chi siete e quando nasce la vostra attività?

Libreria Ulisse BolognaLe librerie si dividono in librerie di catena, che fanno riferimento al capitale finanziario (Mel , Feltrinelli , Coop) e librerie indipendenti che vivono del loro capitale intellettuale e professionale.

La Libreria Ulisse  è nata nel 1993, nel 2000 è stata fatta oggetto di caso nazionale imprenditoriale virtuoso alla Scuola per Librai Mauri alla Fondazione Cini di Venezia, nasce e si sviluppa in periferia e ha chiaro il concetto di libraio moderno che, oltre all‘amore nei confronti del libro e della tradizione deve dimostrare per poter sopravvivere  la conoscenza dei meccanismi che regolano la filiera dell’editoria.

Che tipo di lettori frequenta la vostra libreria?

Abbiamo una clientela di fascia medio-alta, che cerca un ampio assortimento e consigli mirati per i propri acquisti

 

Lettori si nasce o si diventa?

Si diventa, con l’aiuto delle istituzioni (scuola, biblioteche) ed anche delle librerie che aiutano all’avvicinamento dei libri da parte dei piccoli e futuri lettori

Essere librai nel 2019: che cosa è cambiato nel mestiere del libraio e nel ruolo del lettore, negli ultimi anni?

Libreria Ulisse bolognaComporta competenze molto più ampie di una volta soprattutto come competenze imprenditoriali che nella maggior parte dei casi i librai attuali non posseggono. Non esistono strutture in grado di fare reale formazione eccetto la Scuola  Librai  UEM di Venezia che però è un corso già avanzato

Lettura e reti sociali: che cosa ne pensate di questo binomio? Si può essere “social” continuando a essere lettori? Quanto e come siete presenti sulle reti sociali e che impatto hanno queste sulla vostra attività?

Abbiamo una pagina facebook dove segnaliamo libri e incontri in libreria

 

Nel nostro gruppo ci sono titoli che ormai hanno raggiunto lo stato di “libri di culto” o veri e propri tormentoni, come la Saga dei Cazalet o I leoni di Sicilia, non sempre a causa della loro qualità artistica ma grazie, soprattutto, a un passaparola costante sulle reti sociali: quali sono i titoli il cui successo vi ha maggiormente stupito e che idea vi siete fatti del motivo di questo successo?

Il passaparola è fondamentale, per quanto ci riguarda un nostro libro è  “L’interprete ” neri pozza, la storia di una traduttrice dal polacco nella Francoforte del 1963. Eva in una sala d’aspetto dove si preparano gli atti di un processo tira fuori notes e matita e si aspetta di avere a che fare con le solite cause legali. Con stupore, deve ricredersi: Josef Gabor parla di tragici avvenimenti accaduti nel 1941, di prigionieri asfissiati dal gas, di baracche e campi di reclusione. Fatti ignoti a una ragazza tedesca del 1963, fatti che Eva traduce con difficoltà. Dovrà fare i conti col trauma proprio dei figli della generazione del Terzo Reich, la scoperta della Shoah e dell’orrendo crimine perpetrato dai nazisti. Un crimine di cui non soltanto sono ancora ignoti numerosi autori, ma che è stato colpevolmente taciuto e rimosso in ogni casa tedesca nei lunghi anni del dopoguerra.

 

Qual è il titolo che, secondo voi, diventerà il prossimo “tormentone”?

Talvolta il tormento è creato a tavolino

In molti, sul nostro gruppo, si lamentano del fatto che è diventato molto difficile invogliare alle lettura i giovanissimi: in base alla vostra esperienza è vero che i ragazzi leggono sempre di meno? Esiste una strategia che scrittori, librerie, case editrici o chiunque abbia a che fare con giovani lettori potrebbe utilizzare per interessarli di più?

Libreria Ulisse bolognaConsigli e attenzione, unica ricetta.

Come vi ponete nei confronti della lettura digitale? La considerate  una risorsa o una minaccia per la vostra attività e per il futuro dell’editoria?

La lettura digitale, come rivelano le ricerche fatte tre anni fa sulla base di un pubblico inglese e americano di studenti medi e universitari, occupa un posto poco rilevante dato che la maggioranza degli intervistati (80 %) studia e legge su carta.

Consigliate tre libri, secondo voi imperdibili, ai nostri lettori, motivandone la scelta.


– INTERPRETE, di Hannette Hesse 
UNDERWORLD, di Don DeLillo
IL PONTE SULLA DRINA, di Ivo Andric
Attualità

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.