LA VEDOVA Josè Saramago

” Tu vivi tra entusiasmi repentini e depressioni prolungate, e io, con la mia scarsa abilità a scalare le montagne, sono costretto a seguirti in questi alti e bassi “.

LA VEDOVA, di Josè Saramago (Feltrinelli – ottobre 2022)

Il primo romanzo di uno scrittore che per me è l’immensità assoluta.

Pubblicato in Portogallo nel 1947 con il titolo Terra del peccato (per un capriccio editoriale a cui un Saramago giovanissimo non seppe opporsi) oggi, in occasione del centenario della nascita dell’autore, ci viene regalato da Feltrinelli con il suo titolo originale:

La vedova.

È un Saramago ancora acerbo quello che scrive, ancora lontano dalle vette altissime della sua scrittura a cui siamo ormai abituati.

Nessuna punteggiatura ribelle, mancanza di punti di domanda o periodi lunghissimi.

Siamo nell’ambito di uno stile narrativo classico.

Ma la sua grande umanità, la sua profondità nell’indagare l’animo umano, la sua inesauribile curiosità verso i comportamenti degli uomini…

Beh…questi elementi ci sono già tutti.

La storia è incentrata sulla figura di Marie Eleonor ( una donna rimasta vedova molto giovane) attorno a cui ruotano una serie di personaggi fondamentali nell’evoluzione degli eventi .

È la storia di una donna con le sue paure, le sue ossessioni e le sue fragilità.

È la storia di un’anima in tutta la sua umanità.

Saramago è quello scrittore chirurgo che con la sua penna bisturi è in grado come nessun altro di vivisezionare l’animo umano in tutti i suoi pensieri, emozioni e comportamenti.

Saramago è quel poeta dei sentimenti in grado di regalarci sempre personaggi indimenticabili.

Recensione di Nicoletta Viberti

LA VEDOVA Josè Saramago

ACQUISTALO DA IBS ACQUISTALO DA FELTRINELLI ACQUISTALO DA LIBRACCIO

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.