TERRA CRUDELE Ann Weisgarber

TERRA CRUDELE, di Ann Weisgarber (Neri Pozza – 2019)

 

Un racconto che si svolge in poco più di due mesi, un inverno di freddo e di neve.

Anno di grazia 1888. Utah. In mezzo ad un territorio poco abitato e ostile, nel piccolo centro denominato Junction, abitato da una comunità di mormoni, i coniugi Samuel e Deborah dimorano da tre anni. La loro religione prevede, anzi incoraggia, la poligamia, mentre le leggi dello Stato “dei gentili” l’hanno proclamata fuorilegge e imprigionano tutti gli uomini che la praticano. Gli abitanti di Junction sono fedeli “tiepidi”, non hanno un “vescovo capo della chiesa” e nemmeno più mogli. Per questo Deborah e il marito accolgono di nascosto, e aiutano a fuggire, “i fratelli” colpevoli di questo reato. E’ pieno inverno e Samuel, fabbricante di carri, è andato a Sud ormai da molti mesi e non è ancora tornato. Deborah è sola nella fattoria e una notte un forestiero bussa alla sua porta in cerca di ospitalità per la notte. La donna è spaventata, ma mette a freno la sua paura, perché il senso di fratellanza deve avere la meglio. Da questo momento, iniziano una serie di vicende drammatiche e di guai, raccontati, a capitoli alterni in prima persona, dalla protagonista e da Nels, amico di sempre e vicino di casa.

Un romanzo che sostanzialmente scandisce, ora per ora, una lunga attesa, quella del ritorno di Samuel. Tutto questo tempo non è immobile, dentro di esso si intrufolano, non voluti, avvenimenti e personaggi, che sconvolgono e manipolano le vite dei protagonisti, costringendoli a scelte difficili, a introspezioni dolorose. Un racconto che racchiude molteplici sfaccettature, affronta diverse problematiche: fin dove può spingersi l’osservanza assoluta ai dogmi della Chiesa, agli insegnamenti e all’educazione ricevuti, la ribellione del cuore, la paura “per il diverso”, la necessità di essere sempre forti, a costo di respingere i sentimenti.

Il titolo originario era “La guantaia”, ovvero l’occupazione della protagonista, questa volta trovo più significativo il titolo italiano: una terra aspra, difficile da condividere, fisicamente e moralmente, una terra che costringe gli uomini uno contro l’altro, all’isolamento, religioni che dovrebbero unire e che invece inevitabilmente dividono.

L’autrice si è basata su un pezzo di storia. Il villaggio di Junction, abitato da mormoni, è realmente esistito, il resto, ovviamente, è frutto di fantasia.

Vi consiglio caldamente questo romanzo, amici lettori, perché è scritto bene, la trama avvincente ed inoltre è molto particolare, interessante per conoscere la realtà dei mormoni, al di là della condivisione delle loro idee, e riflettere sulla difficoltà e durezza della vita, che costringeva gli uomini ad essere spesso crudeli, alla forza e alla volontà dei singoli che, in condizioni quasi proibitive, con caparbietà e coraggio erano pronti ad affrontare l’ignoto futuro.

Recensione di Carla Maria Cappa

TERRA CRUDELE Ann Weisgarber

ACQUISTALO DA IBS ACQUISTALO DA FELTRINELLI ACQUISTALO DA LIBRACCIO

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.