SCOMPARTIMENTO ROSSO CON BRACCIOLI Sal Ferranti 

SCOMPARTIMENTO ROSSO CON BRACCIOLI, di Sal Ferranti  (Ivvi editore)

“Cosa c’è di più vagamente romantico e démodé dello scompartimento di un treno? Se poi la poltrona è pure rossa coi braccioli sembra proprio di stare al cinema (altra location tristemente dismessa purtroppo… e specie di questi tempi!).

 

SCOMPARTIMANRO ROSSO CON BRACCIOLI Sal Ferranti  Recensioni Libri e News
Acquistalo su IBS

Allora non resta altro da fare che incrociare le braccia e allungare le gambe, mettersi comodi insomma e godersi lo spettacolo, uno spettacolo in cui i confini tra realtà e finzione si annacquano e si smarriscono, intrecciandosi in un’unica indistricabile tramatura dove tutto ‘non è’ ma potrebbe anche essere. Le protagoniste? Tutte donne, tutte più o meno scialbe, consuete, insoddisfatte degli uomini, del mondo, talora di sé stesse… eppure tutte incredibilmente determinate a lasciare una traccia, un marchio, un’impronta indelebile che ne rappresenti – se non l’essenza – almeno l’aspirazione.

 

Un’umanità brulicante di buoni propositi e scalpitanti nevrosi, intimamente disillusa ma mai realmente disposta a dichiarare la resa. Perché? Perché sul piatto c’è l’amor proprio, il sogno, la sopravvivenza a tutti i costi… alla solitudine, allo smarrimento, alla frustrazione. E proprio lì si gioca tutta la partita, nella manipolazione più o meno virtuale della realtà, più o meno reale della virtualità.

 

 

Lo spettatore? Forte della consapevolezza del viaggio, le guarda, e se la gode e se la ride. Si compiace di calcarne i contorni, di scoprirne il grottesco, di rivelarne le crepe, però in fondo le ama tutte, le ama a tal punto da aver smarrito nei loro confronti ogni genuina e immediata pulsione, da essere già scivolato nel ruolo dell’amico e del confidente, da aver già concesso loro il beneficio del dubbio anche dinnanzi a prova contraria. D’altronde quale specchio è migliore di quello dei social per scrutare a fondo le omogenee divergenze del presente?

E il femminile è divergenza, per tradizione e per necessità, che poi è la necessità di resistere alla labilità del maschile, di bastare a sé stesse, di completarsi da sole, pur non rinunciando mai a perdersi dietro il sogno confortevole e promettente di un sorriso tanto estraneo quanto idealizzato.

 

Tuttavia, sbaglieremmo a etichettare come esclusivamente femminile il mondo che ci si staglia davanti, esso è solo la cassa di risonanza di una società delusa, solitaria e circospetta, che ha imparato volutamente a sfumare i contorni, a lucidare con cura la superficie delle cose, a immortalare di continuo il perfetto istante da fiaba, perché anche una realtà edulcorata può aiutare a sopravvivere quando lo zucchero – per quanto lo si cerchi – non si trova più.”

Un romanzo fresco e frizzante, uno stile denso e molto personale, un occhio lungo sull’oggi… deformante ma giusto un po’.

Recensione di  Esterina Guglielmino

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.