MONEY Martin Amis

MONEY Martin Amis recensioni Libri e News UnLibro

MONEY, di Martin Amis

MONEY Martin Amis recensioni e News UnLibroJohn Self è un rampante regista di ambigui spot pubblicitari che lo hanno reso ricco e pronto per girare il suo primo vero film; inizia così per lui un’avventura tra Londra e New York fatta di sesso, triste e fasullo, droga, – lo stesso successo diventa una droga – e lo sballo di una vita al massimo, fino al brusco risveglio.

In questo romanzo tutto ruota intorno ai soldi, che vanno guadagnati per poi poterli spendere in cose futili o pericolose, diventando un’ossessione e gettando il protagonista in un girone infernale di bordelli, cibo scadente, fiumi di alcol e stupefacenti, nel quale si trova perfettamente a suo agio e non lo  nasconde.

Money racconta il potere dei soldi che corrompe l’arte, privandola di autonomia e sottomettendola alla logica del profitto e John Self è pronto a sacrificare il suo talento al guadagno, visto come unica meta di un prodotto artistico: egli stesso è consapevole di essere uno spacciatore di filmacci promozionali che hanno il solo scopo di arricchire le compagnie commerciali e di permettere a lui di mantenere le sue costose abitudini da tossico e con la stessa mentalità si approccia al suo primo vero film, nel quale però vorrebbe raccontare se stesso e la sua avventura nel mondo del cinema.

 

Nella parabola di John Self e della sua bulimica fame di soldi è possibile trovare una personale e disincantata lettura degli anni 80, decennio che più di ogni altro ha esaltato la mercificazione, i simboli di ricchezza come emblemi del potere, dietro ai quali nascondere un vuoto di cultura e valori che ha finito per creare un gorgo mortale: pochi autori come Amis sono stati capaci di descrivere gli anni 80 in tutto il loro fasullo splendore, senza ipocrisia e senza nostalgia, e con altrettanta franchezza l’autore descrive il mondo dello spettacolo come un’arena nella quale solo i più forti, non i migliori, vincono.

 

Money è considerato uno dei più significativi romanzi in lingua inglese del secolo XX e la traduzione italiana gli rende piena giustizia: consiglio la lettura a chi apprezza i personaggi brutti, sporchi e cattivi e a chi cerchi una chiave di lettura critica anche nei confronti del nostro più recente passato.

Recensione di Valentina Leoni

Titolo presente anche in Un Libro in un Tweet 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.