LE LUCI DI SETTEMBRE Carlos Ruiz Zafón

Feltrinelli KOBO Fomia maggio

LE LUCI DI SETTEMBRE, di Carlos Ruiz Zafón

 

ACQUISTALO DA IBS ACQUISTALO DA FELTRINELLI ACQUISTALO DA LIBRACCIO

 

La mia nonna materna aveva la capacità ammaliante di raccontare storie di una semplicità sconcertante lasciandomi in trance tra luci e ombre, magia, mistero e avventura, sospesa in un’immaginaria nuvola ovattata. Mi perdevo fra le sue labbra che si chiudevano e schiudevano seguendo l’intonazione di una vocale, di un sospiro o di un pianto. Mi smarrivo in un’improbabile nebbia, sospesa fra sogno e realtà, vagando nei meandri labirintici del suono della sua suadente voce adulta. Alla fine ricordavo vagamente la storia di per sé ma la bruma evanescente in cui mia nonna immergeva la storia, io me la sentivo addosso per parecchi giorni.
“Luci di settembre” ha lo stesso sapore delle storie raccontate dalla mia dolce ava.

 

 

La trama, un mix di fantasy (doppelgänger: l’ombra che vive distaccata dal corpo) di thriller (uno strano omicidio) di tinte rosa (lo sbocciare dell’amore fra Ismael, giovane marinaio, e la determinata Irene) è accattivante e trascinante, tuttavia niente di speciale. Bensì è il modo di come viene descritta la brughiera, l’alto profilo del faro stagliato nella nebbia, l’inquietante immensa dimora chiamata Cravenmoore abitata da un oscuro personaggio dal profetico nome, Lazarus, e da strane a allarmanti creature meccaniche immersa in un bosco fitto e oscuro, che riesce a innalzare il narrato superandolo. E in tale delineazione è facile e piacevole notare i timidi germogli del futuro, impareggiabile talento dell’autore di “L’ ombra del vento”: la sua scrittura immersiva, quel ponte invisibile fra il reale e l’irreale, il fluttuante colore di intimità che sembra tingere le parole in un evanescente, sfumato arcobaleno minacciato da oscuri nembi.

 

 

“Luci di settembre” è uno dei tre romanzi della “Trilogia della nebbia”, genere di narrativa destinata soprattutto a giovani lettori.  Tuttavia “mi piace credere che il racconto trascenda qualsiasi limite di età”.

Lo consiglio alle giovani menti, a chi vuole conoscere un Zafón alle prime battute o a chi vuole uscire dal “blocco del Lettore”, cominciando a calpestare a piccoli passi le orme del grande scrittore il cui destino – sorte o chiunque sia – ha deciso di mettere fine prematuramente alla sua vita terrena. Mi piace pensare che sia stato inghiottito dalla sua adorata nebbia di tenebra e vaca sognante sopra di noi.

” Non valeva la pena perdere tempo cercando di cambiare il mondo; bastava evitare che il mondo cambiasse noi”

 

Recensione di Patrizia ZARA

LE LUCI DI SETTEMBRE Carlos Ruiz Zafón

 

ACQUISTALO DA IBS ACQUISTALO DA FELTRINELLI ACQUISTALO DA LIBRACCIO

 

 

Feltrinelli KOBO Fomia maggio

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.