LA BIBBIA AL NEON John Kennedy Toole

La bibbia la neon Recensioni Libri e news

LA BIBBIA AL NEON, di John Kennedy Toole

 

Quanto talento doveva avere John Kennedy Toole se a sedici anni scriveva con tanta semplicità una storia così commovente, amara e disperata.

Quanto avrebbe potuto dare alla letteratura se, incompreso nella sua scrittura ma soprattutto così fragile, non si fosse tolto la vita a 32 anni!

È questo il pensiero che mi ha colpito immediatamente e con forza dopo la lettura di questo libro, poco più di cento pagine, praticamente perfette: lo stomaco stretto e le lacrime agli occhi.

David ha 16 anni; per la prima volta viaggia su un treno che lo porta lontano dal suo paese, profondo sud degli Stati Uniti negli anni Quaranta, e da una vita che in quel posto non può continuare. Non sa dove va quel treno, ma sa che non ha alternative. In un’America retrograda e conservatrice, David e la sua famiglia sono bene inseriti nella piccola comunità, fino a quando il padre non perde il lavoro. Sono quindi costretti a lasciare la casa in paese e a spostarsi sulla collina, in una vecchia costruzione col tetto in lamiera. Le difficoltà economiche (che non permettono di pagare la quota di associazione per frequentare la chiesa locale – confine tra inclusione e emarginazione), l’arrivo di zia Mae, col suo viso dipinto e gli abiti attillati, la guerra, la pazzia, segnano sempre più l’isolamento sociale della famiglia e portano irrimediabilmente alla rapida discesa verso l’irreparabile.

Leggetelo.

Recensione di Elena Gerla
LA BIBBIA AL NEON John Kennedy Toole

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.