LA BIBLIOTECA DI PARIGI Janet Skeslien Charles

La biblioteca di Parigi

LA BIBLIOTECA DI PARIGI, di Janet Skeslien Charles

Ogni lettore conosce bene quella strana magia che alcuni libri sanno creare: il mondo celato nelle pagine, inizialmente estraneo, poco a poco accoglie e ammalia, rendendo davvero dolorosa la separazione al termine della lettura.

Non sempre succede, ma in questo caso è davvero difficile uscire da quel mondo.

Un libro di facile lettura che però stupisce per la ricchezza dei contenuti.

LA BIBLIOTECA DI PARIGI
ACQUISTALO SU IBS ACQUISTALO SU LA FELTRINELLI ACQUISTALO SU LIBRACCIO

La vicenda è ispirata a fatti realmente accaduti e ci viene raccontata a due voci, da Odile e Lily.

La tecnica narrativa, molto utilizzata attualmente, è quella in cui passato e contemporaneità si alternano: il presente cattura il lettore facendo affiorare domande irrisolte, misteri e dubbi che soltanto una voce proveniente dal passato potrà chiarire e svelare.

Il gioco è fatto: iniziato il libro non si potrà che proseguire a ritmo sostenuto.

La Storia è fra i protagonisti del racconto. Un periodo difficile e doloroso che tutti conosciamo bene, viene rievocato con garbo, senza appesantire la trama, dando però riferimenti precisi e sempre corretti.

Ma veniamo alla storia: metà ambientata a Parigi, fra gli scaffali della Biblioteca Americana dove Odile lavora durante l’occupazione tedesca; l’altra metà ambientata a Froid a metà degli anni ’80, dove Lily è costretta ad affrontare parecchi problemi.

Odile e Lily, vicine di casa, iniziano a frequentarsi dopo anni in cui il loro rapporto si era limitato a un saluto distratto.

Una vita a separarle.

Lily, adolescente con una quotidianità piena di solitudine e di dolore, è in cerca di una persona capace di ascoltarla e di accompagnarla in una serie di giorni difficili.

Odile, anziana e ormai sola, piena di ricordi e di rimpianti, fatica a convivere con i pensieri che continuano ad riaffiorare dal passato e, soprattutto, fatica a trovare un senso ai suoi giorni.

Poi l’incontro e la scoperta di essere indispensabili l’una per l’altra.

La saggezza di Odile con una vita piena di esperienza alle spalle, la freschezza e la disperazione di Lily si coniugano in un rapporto che vivifica l’anziana signora e rafforza e sostiene la ragazza.

Un’amicizia che va oltre le convenzioni, che arricchisce e risolve, che conosce alti e bassi ma che rappresenta uno strumento di crescita e miglioramento per tutti.

Lily e Odile, gli stessi sentimenti, le stesse reazioni a mezzo secolo di distanza, ma l’esperienza dell’anziana bibliotecaria permetterà a Lily di non commettere gli stessi errori.

In questo libro però c’è molto altro: l’amore, fatto di scoperte e sotterfugi, l’amicizia vissuta e poi tradita, l’amore fraterno, il coraggio di abbandonare tutto per ricominciare, regalandosi un’altra chance.

Un ruolo non marginale va a tutti i bibliotecari dell’ALP, protagonisti di questo capitolo di Storia, poco noto ma bellissimo.

Boris, Odile, Bitsy, Margaret, la signorina Reeder hanno lavorato e rischiato la vita per anni, convinti dell’importanza dello spirito comunitario e della capacità dei libri di unire e creare ponti.

Per difendere il principio secondo il quale la cultura è un bene di tutti e per tutti e va condivisa e salvaguardata per rendere il mondo un posto migliore, perché i libri sono il pane che nutre la mente.

Un libro per chi ama i libri insomma…ma quante cose non vi ho detto…
Recensione di Gabriella Calvi 
LA BIBLIOTECA DI PARIGI Janet Skeslien Charles

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.