I FRUTTI DEL VENTO Tracy Chevalier

I FRUTTI DEL VENTO, di Tracy Chevalier

I FRUTTI DEL VENTO Tracy Chevalier Recensioni Libri e News

Come sempre l’autrice presenta un periodo storico ben definito e lo narra e lo dipinge così minuziosamente e sapientemente che permette al lettore di viverlo e respirarlo.

 

È il XIX secolo. L’America ha ancora in buona parte vaste praterie e territori da domare e rendere fertili e fruttuosi.
È il periodo della corsa all’oro che porta con sé quella smania di ricchezza che rende pazzi e dissennatamente violenti gli uomini.

È il periodo in cui, in Ohio,un uomo che riesca a piantare cinquanta alberi da frutto su un vasto territorio, possa considerarlo suo.

 

 

Ci sono le mele.
Le mele asprigne da sidro. Le mele dolci Golden e poi quelle esotiche che nascondono il sapore dell’ananas: le mele Pitmaston. Ma chi ha davvero assaporato un ananas in quei tempi? È leggenda..

Ci sono i giganti della natura: le sequoie sempervirens testimoni muti dell’umanità e delle sue miserie.

E c’è una famiglia, quella dei Goodenough, che forse “abbastanza buoni” non sono.
Omen nomen.

L’autrice con sapiente maestria accenna a delitti, violenze inaudite, miserie e incesti. Accenna, dissimula. Eppure si sente lo stomaco contrarsi. Si prova dolore.

 

 

Il testo è scorrevolissimo. A tratti didascalico.
Fa provare emozioni: le più diverse.
Fa sorgere curiosità storiche presentando personaggi realmente esistiti, come Johnny Appleseed o William Lobb, che lubrificano gli ingranaggi della storia.
Alla fine ci si sente più ricchi.

Davvero un bel romanzo.

Recensione di Belinda Mancini

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.