GLI ANNI FULGENTI DI MISS BRODIE Muriel Spark

GLI ANNI FULGENTI DI MISS BRODIE Muriel Spark

Scozia, anni 30: una maestra cerca di plasmare anime e personalità di un gruppo di bambine, sostituendo Recensione Gli anni fulgenti di Miss Brodie Muriel Sparkall’insegnamento accademico una curiosa e pericolosa miscela di chiacchiere da salone di bellezza, stucchevoli poesie e banalità a carattere artistico, indottrinamenti politici, racconti biografici narrati con enfasi da melodramma.
Indimenticabile figura di insegnante anticonvenzionale, Miss Brodie non si pone la meta di aprire le menti delle sue allieve, piuttosto di renderle impermeabili a qualunque altro insegnamento che non sia quello impartito da lei: con abilità e pazienza, riconosce le menti di più adatte e inizia il suo martellante lavoro di convincimento, intenta a costruire la sua leggenda, affidando alle sue prescelte il compito di diffonderla, ampliarla, venerarla.
Questa originale lettura propone una figura di insegnante anticonformista ma molto diversa dalle figure positive a cui ci ha abituato un certo tipo di narrativa e di cinema, poiché Miss Brodie è uno dei personaggi negativi più forti dei quali mi sia capitato di leggere: meschina, mitomane, sfoggia una mentalità la cui ristrettezza è proporzionale solo alla vastità del suo ego; le ragazze da lei influenzate, quasi plagiate, finiscono per trovarsi a vivere in base ai desideri della maestra, permettendole di godere, anche se per interposta persona, una nuova giovinezza, un nuovo periodo di fulgore, come se le fosse concesso di risucchiare la giovinezza e la vita di quelle ragazze, sempre docili, sottomesse e pronte a riferirle ogni particolare delle loro vite di studentesse, per ricevere un giudizio, un consiglio, un’ammonizione.
Consiglio il romanzo ai lettori che apprezzino la costruzione dei personaggi e le ambientazioni ben descritte, nonché a chiunque cerchi un romanzo ambientato a scuola.

Recensione di Valentina Leoni