CHE ANIMALE SEI? Paola Mastracola – Angela è partita 2/7

CHE ANIMALE SEI? STORIA DI UNA PENNUTA, di Paola Mastracola

Angela è partita – Puntata 2 di 7

Vai alla puntata precedente 1 di 7
Vai alla puntata successiva 3 di 7

Angela è partita. Senza troppi giri di parole. Ha comprato un biglietto di sola andata per l’Irlanda e adesso è là. Mentre i suoi libri sono qui, sul mio comodino.

CHE ANIMALE SEI? Paola Mastracola - Angela è partita 2/7 recensioni Libri e News unlibroAngela mi insegna il coraggio e a credere nei sogni. Mi insegna che non è male un pizzico di follia ogni tanto. Mi insegna che a volte la felicità va cercata dentro sé ma che, cambiando aria, la ricerca è più facile.

La storia della pennuta mi ha colpita tanto. Non solo per lo stile frizzante e giocoso, ma anche per il modo in cui la storia è raccontata. Uno stile semplice in cui è insieme alla piccola protagonista, che ha una pantofola per mamma e non sa se è un castoro, un pipistrello o un’anatra, anche il lettore scopre, a poco a poco, qualcosa di questa storia e di sé.

Una storia semplice ma che riguarda ognuno di noi perché racconta emozioni con cui, chi lo sa, ognuno di noi ha dovuto fare i conti: la perdita dei punti di riferimento, il desiderio di essere amati, il non sentirsi parte di quel mondo, di quel territorio, di quella famiglia in cui ci troviamo, gli amici, i sogni e le aspirazioni, il sentirsi inadeguati… essere feriti, traditi. Trovare il nostro Lupo Solitario che ci ama quando ormai non ci crediamo più.

Essere fragili mentre cerchiamo di farci strada nel mondo e, in questa fragilità, cercare di capire chi siamo realmente e, finalmente, scoprire di poter volare!

Una storia tenera, buffa, dolcissima; per grandi e piccini, che a tutti ha qualcosa da insegnare.

Angela mi insegna tante cose. Il più delle volte, però, sono più le domande rispetto alle risposte, quelle che mi lascia Angela. Nella vita è più importante scegliere chi vogliamo diventare, dove vogliamo andare o accanto a chi vogliamo stare? Mi sfugge ancora qualcosa, forse…

Recensione di Erika Polimeni

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.