BEL-AMI Guy de Maupassant

Bel-Ami, Guy de Maupassant Recensione UnLibro

BEL-AMI, di Guy de Maupassant

Romanzo raffinato, avvincente e, per i tanti colpi di scena, per nulla scontato.
Il protagonista, George Duroy, incarna la figura dell’arrampicatore sociale: arriva a Parigi in cerca di fortuna e, in Bel-Ami, Guy de Maupassant Recensione UnLibrobreve tempo e sfruttando ogni occasione possibile, costruisce una brillante carriera giornalistica ed entra nei salotti più prestigiosi di Parigi. Ha successo con le donne (sono proprio loro a soprannominarlo Bel Ami) e sfrutta questo suo ascendente per curare i suoi affari e per avanzare di carriera.
Attraverso il personaggio di Duroy, Maupassant descrive la mediocrità della società parigina di fine ‘800, una società priva di ideali in cui per raggiungere fama e successo era necessario scendere a compromessi; una società in cui amore, politica e giornalismo andavano di pari passo.
Incredibile come il protagonista, prepotente, egoista, cinico, arrivista, non mi abbia suscitato antipatia; questo perché Maupassant non esprime giudizi morali e lascia cogliere al lettore la chiave etica per interpretare gli avvenimenti. Rimane un personaggio assolutamente mediocre ma affascinante.
Interessante anche il personaggio del poeta Norbert de Varenne che invita il protagonista a circondarsi di affetti per non temere la solitudine; poche pagine ma intense e dense di significato.
Lo stile è raffinato, evocativo, poetico, arricchito da un po’ di ironia e da qualche espressione ardita ma mai volgare.

Recensione di Giulia Ciarcià

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.