Uno dei meriti di questo Sanremo 2022 è stato sicuramente aver acceso i riflettori sulla poesia: Mettiti in vacanza, di Franco Arminio

Uno dei meriti di questo Sanremo 2022 è stato sicuramente aver acceso i riflettori sulla poesia: Mettiti in vacanza, di Franco Arminio

 

Ancora poesia al Festival di Sanremo: l’attore Filippo Scotti ha recitato un testo di Franco Arminio nell’ultima serata del Festival.

Uno dei meriti di questo Sanremo è stato sicuramente aver acceso i riflettori sulla poesia. Se Jovanotti aveva scelto un testo di Mariangela Gualtieri, l’attore Filippo Scotti (vincitore del Premio Marcello Mastroianni come migliore attore emergente al Festival di Venezia e protagonista di “È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino), dopo aver letto insieme a Marco Mengoni alcuni tweet di insulti per denunciare la cattiveria sui social, ha recitato una poesia di Franco Arminio.

 

 

 

Nato a Bisaccia il 19 febbraio 1960, Franco Arminio è uno dei poeti italiani contemporanei più conosciuti, ma è anche regista, scrittore e – come lui stesso si autodefinisce – “paesologo”. Autore prolifico, ha pubblicato una trentina di libri. In “Studi sull’amore”, pubblicato da Einaudi nel gennaio del 2022, “fotografa il corpo spaventato dalla morte e infiammato dall’amore. Non soltanto l’amore carnale, ma quello che ci conferma di esistere: l’amore per un figlio e quello per un angolo di paese, l’amore per una strada e quello per la madre, l’amore per un amico e per chi ci è ancora sconosciuto, al punto da scavare in noi il languore del desiderio”. Secondo Emanuele Trevi, critico letterario e vincitore del Premio Strega nel 2021, «Gli basta una manciata di sillabe, connesse da un gioco sapiente di rime ed assonanze, e un intero destino si staglia nettamente sul bianco della pagina. Come accadeva in certi indimenticabili epigrammi composti in vecchiaia da Giorgio Caproni»

 

La poesia recitata a Sanremo invita le persone ad andare avanti e si intitola “Mettiti in vacanza”, tratta da La cura dello sguardo, piccola farmacia poetica, Bompiani, 2020.

 

 

 

 

 

Ecco il testo:

 

A un certo punto

devi capire

che il dolore che hai subito

non lo devi subire

all’infinito.

Mettiti in vacanza,

la povera vita adulta

non può pagare a oltranza

i debiti dell’infanzia.

Dichiara finite le tue colpe,

scontata la pena.

D’ora in poi ogni giornata

sarà come prima

ma dentro di te

più netta e vera, più limpida

e sincera.

Tu devi solo la più grande dolcezza possibile

a chi verrà e a chi andrà via.

È festa nel tuo cuore,

festeggia in qualche modo

il cuore degli altri.

 

Di Massimiliano Caruso

 

La cura dello sguardo Franco Arminio

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.