UNA SOLITUDINE TROPPO RUMOROSA Bohumil Hrabal

UNA SOLITUDINE TROPPO RUMOROSA Bohumil Hrabal Recensioni Libri e News

UNA SOLITUDINE TROPPO RUMOROSA, di Bohumil Hrabal

Praga, nelle viscere di un vecchio palazzo, un uomo, Hanta da trentacinque anni lavora alla pressa della carta vecchia, trasformando i libri destinati al macero in parallelepipedi di carta, morti e vivi allo stesso tempo, perché in ciascuno di essi pulsa un libro che egli ha imprigionato dentro, aperto su una frase, un pensiero, un frammento.

UNA SOLITUDINE TROPPO RUMOROSA Bohumil Hrabal Recensioni Libri e News

Sono frammenti di Erasmo, Laozi, Holderin Kant, Ghoet. Professionista per necessità della distruzione dei libri li ricrea incessantemente sotto forma di messaggi simbolici, rinnovando ogni volta il prodigio del pensiero creativo. La sua vita scorre così per trentacinque anni, in “una solitudine troppo rumorosa”, lavorando a mani nude per gustare sulle dita la carta, ed ama così tanto i libri da non riuscire a non salvarne sempre qualcuno, al punto che in casa non ha più spazio.

 

Un libro poetico e crudele sulla vita che ha in se molte vite.
Fra passato e presente, in periodo post-bellico, in neanche cento pagine, con topi, presse e libri, vi troverete immersi in una lettura singolare, non leggera e molto profonda.

“con un libro in mano apro gli occhi su un mondo diverso da quello dove appunto stavo, perché io quando incomincio a leggere sto proprio altrove, sto nel testo, io mi meraviglio e devo colpevolmente ammettere di essere stato in un sogno, in un mondo più bello, di essere stato nel cuore stesso della verità”.

 

Consiglio a tutti la lettura, 100 pagine intense per tutti quelli che come Hanta scrive:

“…. perché io quando leggo in realtà non leggo, io infilo una bella frase nel beccuccio e la succhio come una caramella,
come se sorseggiasi a lungo un bicchierino di liquore, finché quel pensiero in me si scioglie come alcool, si infiltra dentro di me così a lungo che mi sta non soltanto nel cuore e nel cervello, ma mi cola per le vene fino alla radice dei capillari. “

Recensione di Volpi Alessandra

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.