SENZA NOME Wilkie Collins

Senza Nome Wilkie Collins Recensione UnLibro.

SENZA NOME, di  Wilkie Collins

Ho letto di seguito tre libri di W. Collins: La donna in bianco, poi La pietra di luna e adesso Senza nome. Volevo avere un’idea più precisa su questo scrittore, collaboratore e amico di Charles Dickens, che dopo il primo libro mi aveva incuriosita. E in effetti prima La pietra di luna e poi Senza nome hanno confermato la mia prima impressione. Si tratta Senza nome - Wilkie Collims Recensione di UnLibrodi libri che raccontano storie ambientate verso la metà dell’ottocento, e che quindi scontano sicuramente un po’ il peso degli anni. Però hanno ritmo, sono intriganti, l’intreccio è sapientemente costruito e regge bene la lunghezza dei testi. In Senza nome Collins ci racconta le vicende di due sorelle appartenenti ad una felice e agiata famiglia del West Somersetshine che si trovano da un giorno all’altro senza più niente: niente più famiglia, niente più casa, niente più soldi, ma soprattutto niente più nome. Il libro è il racconto di due modi opposti di reagire alle sventure; il dolore composto e rassegnato della sorella maggiore, e il desiderio di rivalsa della sorella minore, che, per quanto comprensibile, arriva a sfiorare la follia. Succede di tutto, davvero! Magari anche troppo, in realtà, però non ti annoi e devi per forza sapere come va a finire. E un libro che ti regala qualche giorno di gradevole compagnia penso che sia un’ottima cosa, con buona pace della letteratura “impegnata”.

Recensione di Elena Gerla 

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.