VENUTO AL MONDO Margaret Mazzantini 

VENUTO AL MONDO Margaret Mazzantini  Recensioni Libri e news

VENUTO AL MONDO, di Margaret Mazzantini

Vedendo scorrere spesso post riguardanti libri di Margaret Mazzantini, ho abbandonato la mia diffidenza, forse ingiustificata, per la narrativa italiana contemporanea e ho deciso di fare conoscenza con questa scrittrice.

VENUTO AL MONDO Margaret Mazzantini Recensioni Libri e News

Sullo sfondo, una guerra un po’ misteriosa e dimenticata, almeno per me :la guerra in Bosnia e la lunga resistenza di Serajevo. La guerra però è vista attraverso le reazioni di coloro che l’hanno vissuta ed esprime gli orrori di tutte le guerre.

La vera sorpresa sono stati i personaggi che con le loro storie hanno travolto le mie resistenze.
Certo, Manzoni o Tolstoi o Flaubert non avrebbero usato così tante volte la parola c.. o
per indicare il fondo schiena, non si sarebbero addentrati in particolari tanto espliciti per raccontare certe situazioni, non avrebbero impiegato 450 pagine per descrivere fatti a volte troppo dettagliati, troppo appesantiti da
metafore.

 

Ma, forse il paragone è fuori luogo, parlando di narrativa contemporanea.

Ma alla fine, cosa importa ?
Sono stata fagocitata dalla storia. (story, non history). Ho gioito con Gemma quando ha incontrato l’amore della sua vita, ho provato tenerezza per Diego, il poetico fotografo di pozzanghere, simpatizzato per l’omone slavo
dagli occhi profondi, amato quel padre riservato ma accogliente.

E più avanti ho condiviso il dolore di lei quando, scoprendosi sterile, si è sentita una donna a metà.
Ho sempre pensato che non esista il diritto alla maternità a qualsiasi costo, che quella dell’utero in affitto sia una decisione drammatica per i tanti problemi che porta con sé.

Ma seguendo, passo dopo passo, il tormentato percorso di Gemma, mi sono trovata a vivere il problema “di dentro”.
E in fondo, questa non è, o non è solo, una storia di maternità surrogata.

Gemma non ha leggerezza, come il libro non è una storia leggera, ma mi ha davvero fortemente coinvolta.

Recensione di Ornella Panaro

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.