E VENNE CHIAMATA DUE CUORI Marlo Morgan

E VENNE CHIAMATA DUE CUORI, di Marlo Morgan

(Attenzione, un po’ di spoiler c’è)

Io faccio recensioni serie, mi dico, non devo scrivere parolacce né giudizi irrispettosi, che poi mi buttano fuori dal gruppo. Persino mio figlio quindicenne intima “mamma, non farlo”. Ma questo romanzo l’istinto di citare il celebre giudizio di Fantozzi sulla corazzata Potëmkin me l’ha suscitato parecchio.

E VENNE CHIAMATA DUE CUORI Marlo Morgan Recensioni Libri e News UnlibroDentro c’è di tutto: telepatia, ossa rotte che guariscono magicamente, acqua e cibo che compaiono nel deserto in seguito alla ricerca spirituale della protagonista, grotte sacre tempestate di opali e soprattutto aborigeni del tutto privi di quella, purtroppo, inevitabile caratteristica umana che è il male. Neppure un peccatuccio veniale, nulla. Nascono buoni e muoiono felici di ricongiungersi col Tutto.

L’autrice cercò di spacciare l’opera per una storia vera, ma pare che gli aborigeni non abbiano gradito e l’abbiano denunciata.

È vero, non amo i best seller, ma non do di tutti un giudizio così negativo. Qui ho trovato proprio un atteggiamento da imbonitrice, da maga da quattro soldi, che parla di spiritualità senza approfondire nulla e, mancando di un solido supporto filosofico, ricorre ai miracoli.

Di buono si può solo dire che il libro è scorrevole, si legge in fretta senza particolare fatica. E, volendo, possiamo salvare la pars destruens: l’appello a non distruggere il mondo e l’ambiente è quanto mai attuale!

Recensione di Maria Cristina D’Amato 

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.