Quando i social osano: Giobbe e Stoner a confronto

Quando i social osano: Giobbe e Stoner a confronto recensioni Libri e News

Quando i social osano: Giobbe e Stoner a confronto

Giobbe vs Stoner…una storia antica come il mondo vs una vita ordinaria come tante al mondo

 

Il mondo del web è una continua sorpresa. Spesso va esattamente nella direzione opposta a quella che ci si può immaginare.

 

Ho pubblicato qualche giorno fa un mio pensiero sul libro biblico di Giobbe. Una sorta di riflessione, una serie di pensieri e considerazioni “a voce alta” che mi sembrava giusto condividere con 170.000 amici del gruppo facebook  

Non avevo nessuna aspettativa, non me ne faccio mai prima di pubblicare un post libroso.

Non cerco consensi, non cerco complimenti, non cerco tantomeno la rissa…penso semplicemente che “leggere” faccia bene all’anima e che condividere sia una forma di altruismo!

 

 

637 like, 402 commenti, 29 condivisioni…questo però non me lo aspettavo!

Forse ho sbagliato! Forse ho sottovalutato la potenza di questo libro e del suo messaggio. O forse ho pensato che fosse semplicemente fuori moda!!!

Eh già, chi legge Giobbe nel 2020? O chi lo ha letto e ne vuole parlare ancora? Spendere 30 secondi per scrivere la sua sotto il post di una pazza che si permette di “quasi” recensire un testo così altisonante?

Beh, ho fatto fatica a non commuovermi!

Non per i numeri, sia chiaro, ma per i riscontri sentiti di molte, moltissime persone, che come me avevano probabilmente bisogno di dire la loro su un testo che non smetterà mai di risuonare.

E allora ho fatto un paragone azzardato con Stoner di John Williams, una delle mie prime condivisioni sul gruppo.

 

Stoner J. Williams

 

Stoner è presente con circa 90 post, il primo pubblicato nel settembre del 2013 e l’ultimo qualche giorno fa, tutti post molto partecipati, ma a Giobbe è bastata UNA SOLA APPARIZIONE!

Perché, mi sono chiesta?

La forza di Stoner è indiscussa, un romanzo perfetto, un viaggio meraviglioso nell’animo umano.

Una vita silenziosa che ci dice che ciò che resta è il modo in cui si è scelto di vivere l’essenziale.

Un romanzo moderno, contemporaneo che racconta una vita ordinaria come tante al mondo.

 

 

E Giobbe?

Giobbe, credo sia la storia di ogni uomo, inteso come umanità tutta, una storia antica come il mondo.

E’ la vita nei suoi inevitabili passaggi di trasformazione.

E’ la vita degna di essere vissuta.

E’ la vita di chi affronta la sua selva oscura ma non ne resta imprigionato.

E’ la vita di chi aspira a compiersi, di chi entra in profonda connessione con sé stesso, con il mondo che lo circonda e con il divino, qualunque nome gli si voglia dare.

Ecco forse dove sta la forza di Giobbe oggi nel 2020!

Ecco forse perché gli è bastata una sola apparizione per spingerci a dire la nostra.

Perché siamo in un momento di trasformazione e non vogliamo restare congelati in questo mondo che è sempre più selva e sempre meno paradiso.

 

“Si ritrovava a chiedersi se la sua vita fosse degna di essere vissuta. Se mai lo fosse stata. Sospettava che alla stessa domanda, prima o poi, dovessero rispondere tutti gli uomini”

Stoner, John Williams

 

“Tacete, state lontani da me: parlerò io, mi capiti quel che capiti.

Voglio afferrare la mia carne con i denti e mettere sulle mie mani la mia vita.

Mi uccida pure, non me ne dolgo: voglio solo difendere, davanti a lui, la mia condotta!”

Giobbe

Di Cristina Costa

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.