QUALCUNO CON CUI CORRERE David Grossman

QUALCUNO CON CUI CORRERE David Grossman re censioni Libri e News Unlibro

QUALCUNO CON CUI CORRERE, di David Grossman

Ahi ahi, qualcosa non ha funzionato in questo romanzo; qualcosa dentro di me, intendo.

QUALCUNO CON CUI CORRERE David Grossman recensioni Libri e news UnlLibroL’ altro che avevo letto qualche mese fa, dello stesso autore, mi aveva letteralmente folgorata ed è per questo che ho deciso di iniziare con lui il nuovo anno; qui però non sono riuscita a decollare.
È stata l’ età.
Il tempo.
I maledetti 40 anni hanno fatto da zavorra.

È un libro ben scritto, elegante, che parla di tre adolescenti.
Le tematiche sono importanti; c’è il sano desiderio di affermarsi come individui unici e originali, l’ insicurezza di personalità che stanno sbocciando e che cercano la loro strada nella vita, il divario generazionale, la devianza.

La storia è ambientata a Gerusalemme, anche se forse si potrebbe dire che di Gerusalemme ce ne sono due: quella dei quartieri per bene, delle famiglie funzionali e dei loro figli che vanno a scuola. E quella qualche passo più in là, dei marciapiedi e degli ostelli fatiscenti, dove trovano rifugio giovani disperati, caduti nella dipendenza da sostanze e nelle reti della malavita organizzata.

 

“C’è un momento in cui si compie un piccolo passo, si devia di un millimetro dalla solita via, a quel punto si è costretti a posare anche un secondo piede e d’un tratto si finisce su un percorso sconosciuto.”

Questo è un romanzo di giovani e come tale è ricco di idealismo, fratellanza, ingenuità.
Lo avrei adorato 20 anni fa.
Avrei creduto ciecamente che si può essere eroi, se lo si vuole, e si può salvare anche chi non vuole essere salvato.

È una storia di per sé bellissima nella quale, con rammarico, capisco di non potermi più calare.

L’ho ascoltata come avrei ascoltato una favola; è stato bello, un po’ magico, ma irreale.
Come un album di fotografie sbiadite; ha destato ricordi, emozioni ormai lontane, qualche rimpianto, forse.

 

Ma in fondo che altro deve fare un libro per essere un buon libro, se non metterti di fronte a uno specchio su quello che sei, o che sei stato?

“Un tempo piangevo moltissimo ed ero piena di speranze. Oggi rido parecchio, un riso disilluso.”

Recensione di Nicoletta Tamanini

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.