Libro/Film THE HELP – kathryn Stockett – Tate Taylor

The Help Libro Film Recensioni Libri e News UnLibro

Libro e Film a confronto

Libro THE HELP, di kathryn Stockett

Incuriosita dal film … ho comprato il libro!!

THE HELP di katgryn Stockett Recensioni e News UnLibroL’ho amato fin dal primo giorno in cui l’ho comprato – e non l’avevo ancora letto! Avevo visto, il film in televisione pochi giorni prima. La lettura è senz’altro piacevole, il libro ti fa ridere, pensare e alla fine piangere.
…. Intenso ….
…””Allevano un bambino bianco, che vent’anni dopo diventa il loro datore di lavoro. É paradossale, perché noi vogliamo bene a loro e loro a noi…..
e noi non gli permettiamo neppure piú di usare il nostro bagno dentro casa””…

E’ un romanzo sul razzismo, l’accorata narrazione sulla vita di alcune donne di “colore” nei primi anni sessanta a Jackson, Mississipi, quando si ascoltava per le prime volte alla radio Bob Dylan e quando iniziavano le prime marce di Martin Luther King. Quando veniva esplicitamente detto che “nero” voleva dire sporco e malattie, e quando alle persone di “colore” era fatto divieto di frequentare gli stessi ambienti pubblici e privati dei “bianchi”.

Allo stesso tempo racconta di quanto fosse difficile anche per un bianco schierarsi a favore dei diritti civili, a favore dell’integrazione, o anche solo fare qualche gesto “umano” nei confronti delle persone di colore… Chi lo faceva veniva isolato all’interno della società e additato come “malato di mente”.

 

Il pregio principale di questo libro è che racconta tutto ciò in modo semplice, diretto, senza mai essere pesante o retorico ma anzi coinvolgendoti in questa piccola avventura, che alla fine ci regala un insegnamento fondamentale:

“Siamo semplicemente due persone e non sono molte le cose che ci separano. Molte meno di quanto si pensi”.

Recensione di Antonella Trocini

 

Film THE HELP, di Tate Taylor

(id.)
di Tate Taylor (USA, 2011)
con Emma Stone, Viola Davis, Octavia Spencer, Jessica Chastain, Sissy Spacek
VOTO: ***

Jackson, Mississippi, 1963: la giovane e ‘alternativa’ Skeeter Phelan (Emma Stone), appena laureata, torna a casa e trova lavoro come cronista presso un giornaletto locale. A dir la verità all’inizio il suo compito è quello di rispondere alle lettere, ma ben presto la ragazza, scaltra e anticonformista, femminista ante-litteram, decide (ovviamente in disaccordo con tutti) di realizzare un reportage sulle domestiche di colore, retaggio di una schiavitù passata e testimonianza del razzismo ancora imperante nelle terre del Sud.

Vengono alla luce così le storie di due donne nere, la matura Aibileen Clark (Viola Davis) e la giovane Minnie Jackson (Octavia Spencer), diverse per età e per carattere ma accomunate dal colore della pelle e dai pregiudizi della borghesia locale. Skeeter si prende a cuore le vicende personali delle due, coinvolgendole in un progetto segreto che avrà come scopo quello di far uscire finalmente allo scoperto le discriminazioni razziali dell’epoca, mascherate da un ipocrita bon-ton. Logico il fine della pellicola: far riflettere lo spettatore sul razzismo e la condizione dei neri negli anni ’60 per confrontarlo con la realtà di oggi. E scoprire, purtroppo con poca sorpresa, che almeno nella testa delle persone le derive razziste non sono poi così sopite…

The Help è comunque, prima di tutto, una storia di donne. Un film corale che vorrebbe raccontare con eleganza e stile una bella epopea tutta ‘al femminile’, oltretutto con l’ambizione di volersi inserire in quel filone di ‘cinema sociale’ che ha avuto in passato pellicole degne di nota e ben più di spessore (pensiamo a ‘Il colore viola’). Il problema, però, è che tutto resta in superficie e quasi mai il film affonda nelle vere ferite del tempo, limitandosi a centellinare sprazzi di sincera emozione (e commozione) con siparietti comici inseriti ad arte per allentare l’atmosfera drammatica.

E così, alla fine dei 139 minuti di pellicola (che trascorrono non senza qualche sbadiglio), la sensazione è quella di un’opera incompleta, platealmente buonista pur se non stucchevole, zuccherosa e rassicurante al punto giusto per catturare l’interesse dell’Academy, che (potete starne certi) regalerà al film diverse candidature agli Oscar: scontate quelle alle due attrici nere, Viola Davis e Octavia Spencer, probabile quella a Emma Stone (ne ha fatta di strada dai tempi di Easy girl!), anche se però, alla fine, la più brava di tutte è la rediviva Sissy Spacek: il suo ruolo è poco più che un cameo, ma la classe è ancora cristallina… bentornata!

Recensione di S O L A R I S : il Blog per gli amanti del cinema

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.