PERCHÉ NON SEI VENUTA PRIMA DI GUERRA lizzie Doron 

PERCHÉ NON SEI VENUTA PRIMA DI GUERRA lizzie Doron Recensioni Libri e news

PERCHÉ NON SEI VENUTA PRIMA DI GUERRA, di lizzie Doron (Giuntina)

Grazie a Read red road ho avuto la possibilità di conoscere la casa editrice La Giuntina fondata da Daniel Vogelmann; essa pubblica molti scrittori israeliani e rappresenta una interessante porta d’ingresso alla storia e alla cultura ebraica.

Grazie al vasto catalogo proposto si possono approfondire la storia e le tradizioni ebraiche, e affrontare consapevolmente e responsabilmente le diversità culturali e religiose all’insegna del rispetto e dell’arricchimento personale.

 

PERCHÉ NON SEI VENUTA PRIMA DI GUERRA lizzie Doron  Recensioni Libri e news

In questo libro la Doron raccoglie momenti di vita e ricordi di sua madre Helena prima e dopo la tragedia dell’Olocausto;
di esso non si parla mai espressamente ma affiora con prepotenza devastante attraverso le ferite e angosce che ossessionano Helena.

La sua vita trascorre a Tel Aviv, nella quotidianità di un grigio quartiere nel rimpianto di una famiglia sterminata ma che sopravvive nelle festività e nelle preghiere.

Una figura di donna straordinaria nel suo anticonformismo che, indomita, riesce a sopravvivere all’esperienza del dolore libera da ogni condizionamento e anche con ironia.

 

 

Il libro è interessante, come interessanti sono anche gli altri libri scritti dalla Doron che consiglio, perché ci rappresenta il mondo del dopo Shoah dove il sentimento comune è l’esigenza di giudicare e punire i crimini nazisti e ci costringe a restare in silenzio di fronte alla tragedia ed alla frustrazione. 

L’autrice tratta argomenti legati all’ebraismo tuttavia la sua “Storia” assume valore universale e motivo di attenta riflessione per ogni lettore.

 

 

“E ogni anno, al momento di cantare ‘Uno è il nostro Dio’, Helena sospirava e in una sorta di controcanto chiedeva: “Perché non due? Perché non due?”, e poi spiegava il significato di quella domanda: “Perché quello che abbiamo ha sbagliato, e non c’era un altro Dio che correggesse lo sbaglio”.

Recensione di Marilena Ratto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.