LE INTERVISTE DEL PASSAPAROLA DEI LIBRI – La Giuntina

La Giuntina Casa editrice

IL PASSAPAROLA DEI LIBRI ha intervistato  Shulim Vogelmann della Casa Editrice La Giuntina

– Presentatevi ai nostri lettori. Come nasce la vostra casa editrice e a che tipo di lettori si rivolge?

La notte" di Wiesel GiuntinaLa Giuntina nasce nel 1980 quando Daniel Vogelmann decide di pubblicare La notte di Elie Wiesel che sarà il primo titolo della collana Schulim Vogelmann, dedicata da Daniel a suo padre, sopravvissuto ad Auschwitz. Con il tempo ci siamo specializzati in libri di argomento ebraico – sia romanzi che saggi – rivolti a tutti i lettori.

– Qual è il titolo, l’autore oppure il progetto editoriale al quale siete più affezionati e perché?

Il titolo a cui siamo più legati è sicuramente “La notte” di Wiesel, per il significato che racchiude e perché è il primo che abbiamo pubblicato – ed è ancora oggi il più venduto.
Tra i progetti a cui siamo molto legati, c’è la collana Israeliana che dal 2005 pubblicaTalmud Giuntina libri israeliani, una letteratura molto vivace, originale e di qualità. Ad oggi abbiamo pubblicato 50 titoli.Tra questi mi piace citare il bestseller “Svegliare i leoni” di Ayelet Gundar-Goshen, una scrittrice molto talentuosa, con una grande capacità di analisi psicologica dei personaggi e una scrittura diretta che cattura il lettore.
Negli ultimi due anni abbiamo poi iniziato un progetto mastodontico: la pubblicazione integrale del Talmud in collaborazione con il Progetto Talmud. Un lavoro complesso (37 trattati tradotti dall’aramaico e dall’ebraico e commentati) che coinvolge tante persone e abilità, e che vuole dare a tutti i lettori italiana la possibilità di accedere a una grande fonte della tradizione ebraica che rappresenta un riferimento per la cultura tutta.

– In Italia si legge poco, così dicono le statistiche. Secondo voi è vero e perché e cosa si poterebbe fare per invertire la tendenza?

E’ vero, soprattutto per il sud Italia purtroppo. L’unica speranza per invertire la tendenza è l’educazione alla lettura a scuola fin dalla prima infanzia e un forte sostegno dello Stato alle librerie.

 

–  Cosa ne pensate delle vendite online che stanno sempre più prendendo il posto delle librerie tradizionali?

Svegliare i leoni GiuntinaDove non ci sono librerie la vendita online è l’unica possibilità. Purtroppo, gli store online sottraggono anche clienti alle librerie. Si dovrebbe trovare il modo di integrare le librerie indipendenti nel giro delle vendite online attraverso una rete digitale comune legata ai distributori.

 

– Qual è il vostro rapporto con i social, con quale strategia li usate e se ne traete dei vantaggi ?

Abbiamo una comunità su Facebook piuttosto vivace. E utilizziamo anche Twitter e Instagram per stare in contatto con i nostri lettori. Cerchiamo di fornire notizie e contenuti interessanti nel tentativo di trasmettere l’identità della casa editrice e avvicinare nuovi lettori. Seguiteci!

 

redazione@unlibrotiralaltroovveroilpassaparoladeilibri.it

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.