PAROLE NELLA POLVERE Màirtìn O’ Cadhain

PAROLE NELLA POLVERE Màirtìn O' Cadhain Recensioni Libri e News Unlibro

PAROLE NELLA POLVERE, di Màirtìn O’ Cadhain (Lindau)

PAROLE NELLA POLVERE Màirtìn O' Cadhain Rec ensioni Libri e News UnLibro

Immaginando l’Aldilà, o comunque ciò che c’è dopo la morte, ognuno di noi avrà un’idea diversa a seconda del suo percorso di vita, di fede, di pensiero, ma probabilmente saremo tutti d’accordo sul fatto che dopo la morte regni il silenzio; invece, questo scoppiettante romanzo – un classico della letteratura irlandese – ci presenta un piccolo cimitero di campagna dal quale si levano voci forti, che si sovrappongono, si urlano contro e hanno qualcosa da dire su tutto: dalle beghe del villaggio alla storia d’Irlanda e al suo difficile presente, fino alle partite di rugby, i defunti spettegolano, strepitano e bisticciano e su tutte le voci si leva prepotente quella di Caitriona Phaidìn, focosa vecchietta appena sepolta ma che non ha affatto dimenticato la sua turbolenta vita familiare e il suo perenne dissidio con la nuora, la suocera, la sorella, il parroco e il resto del mondo.

 

Dalla polvere del cimitero si leva incessante un brusio fatto di storie che esigono di essere raccontate e ascoltate, perché appartengono a un mondo abituato a narrare e pochi romanzi hanno trovato un’immagine così efficace del popolo irlandese come di gente che non sta mai zitta, nemmeno da morta, anche se invece che le antiche saghe, i racconti riguardano le sfortunate vicende sentimentali del maestro di scuola o le contrattazioni sul prezzo dei funerali: sono le voci di un’Irlanda povera, pervasa da tensioni sociali e politiche intrecciate alle meschinità umane e raramente ho percepito più vitalità che in questo “coro di morti”.

 

Della verde Irlanda dei souvenir e degli stereotipi cinematografici qui non c’è traccia e nemmeno si fa accenno a questioni religiose o spirituali: il cimitero del romanzo è un palcoscenico sul quale si entra con la morte ma il ruolo che ivi si ricopre è pari a quello che si aveva da vivi, con la differenza che qui la scena è buia.

Un plauso particolare va alla traduzione italiana che, pur basata sulla versione inglese del romanzo (l’originale è infatti in irlandese), grazie al lavoro di quattro diversi traduttori riesce perfettamente ad aderire alla prosa di O’Cadhain, piena di neologismi, vocaboli gergali, registri diversi e rende nella nostra lingua tutta l’atmosfera di questo romanzo eccezionale.

Recensione di Valentina Leoni

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.