FIAMMETTA, di Emanuela E. Abbadessa 

Fiammetta Emanuela E. Abbadessa

FIAMMETTA, di Emanuela E. Abbadessa

Fiammetta Emanuela E. Abbadessa

“Ci avete sempre costrette nei ruoli stabiliti da voi relegandoci solo a dispettose, pudiche, astiose, insolenti, pettegole, caste, gelose, facili. Ma ditemi voi: quali di questi appellativi hanno mai tenuto conto della nostra mente e della nostra anima nella stessa misura? Vi siete accontentati delle vostre categorie per la paura che, accettandoci simili a voi, un giorno avremmo potuto superarvi in scienza e sapienza. I ruoli riservateli a burattini e colombine della commedia veneziana, signori: noi siamo donne”.

 

 

Questo romanzo, il secondo di Emanuela A. Abbadessa, è stato pubblicato da Rizzoli nel 2016 e, oltre ad essere ben scritto, si presenta ricco di colpi di scena e di vicende che, pur essendo ambientate a fine Ottocento, si rivelano di grande attualità.

I fatti si svolgono tra Firenze e Catania: Fiammetta è una giovane maestra fiorentina. Orfana di entrambi i genitori, cresciuta in collegio, vive del suo lavoro che svolge con dedizione e passione. Mario è un famoso poeta siciliano che Fiammetta conosce e ammira attraverso la sua opera. Quando ha la possibilità di conoscerlo durante un incontro pubblico a Firenze, Fiammetta tira fuori tutto il proprio carattere: gli tiene testa e sa essere seducente con intelligenza. E lui si sente attratto da questa donna minuta e sfrontata.

 

Dopo lettere intrise di passione, un matrimonio celebrato in fretta e un viaggio di nozze idilliaco la quotidianità fa precipitare tutte le illusioni della protagonista. Fiammetta, nella sua nuova città – Catania – si ritrova a fare i conti con un contesto familiare e sociale totalmente diverso da quello in cui era cresciuta e si era formata. A Firenze era una donna emancipata: povera ma libera.

Una storia che, altro colpo di scena, è ispirata a una vicenda realmente accaduta e che ha coinvolto fra i più importanti e celebri personaggi della nostra terra, la Sicilia.

Recensione di Claudia Cammarata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.