MEMORIE DA UNA CASA DI MORTI Fëdor Dostoevskij

Su laFeltrinelli.it il regalo da Favola firmato Isabelle Allende
MEMORIE DA UNA CASA DI MORTI

MEMORIE DA UNA CASA DI MORTI, di Fëdor Dostoevskij

 

ACQUISTALO SU IBS ACQUISTALO SU LA FELTRINELLI ACQUISTALO SU LIBRACCIO
“Che ci facciamo qui? Da vivi non siamo uomini, da morti non siamo defunti.”
Il grande racconto degli anni trascorsi in Siberia in una colonia penale.

Dostoevskij immagina di trovare un manoscritto lasciato da un nobile condannato ai lavori forzati per uxoricidio. Attraverso questo personaggio immaginario racconta non solo gli anni difficili trascorsi in una colonia penale, ma soprattutto il popolo russo, fatto di contadini, vagabondi, soldati, delinquenti, assassini. Racconta la sua solitudine, dovuta anche alla condizione di nobile, che lo differenziava dalla maggior parte degli altri detenuti. Non mancano le profonde analisi interiori dei compagni di baracca, così come le descrizioni di pochi, ma intensi, momenti di divertimento in cui si assiste ad un momentaneo ribaltamento sociale dei detenuti.

È una lettura impegnativa, è vero, ma… Dostoevskij è Dostoevskij e io lo adoro nel bene e nel male!
Recensione di Elisabetta Porta

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.