LE MADRI NON DORMONO MAI Lorenzo Marone

LE MADRI NON DORMONO MAI, di Lorenzo Marone (Einaudi – maggio 2022)

 

Recensione 1

“Diego non poteva capire che per sua madre, e per quelli come lei, la pace non pretendeva bellezza, non era da ricercare, era da afferrare con forza, era uno spazio piccolissimo, un pertugio, la sigaretta che toglie per un attimo dai brutti pensieri, la sera che t’obbliga finalmente alla resa e ti fa stare nel tempo da spettatore; era uno scippo alla giornata, alle bestemmie e alle preghiere, lo sfregio alle ansie.”

Imparai ad amare i romanzi di Lorenzo Marone con “La tentazione di essere felici”.

Già allora la sua capacità introspettiva, la sensibilità e l’attenzione verso ogni sfumatura dell’animo umano, mi erano apparse fuori dal comune.

Ebbene, quest’ultimo libro “Le madri non dormono mai, è, secondo me, il suo romanzo della maturità.

“Le madri non dormono mai” è una stretta al cuore dalla prima all’ultima pagina.

Mi ha tenuta incollata per giorni e ancora adesso che l’ho terminato sento di dover tenere vicino la mia copia per poterne rileggere i passaggi che mi hanno segnato maggiormente.

Ma “le madri non dormono mai” non è solo una matrioska, magistralmente costruita, di storie sbagliate e di vite perdute che chiedono aiuto e magari un po’ di pietà.

È una denuncia tracciata a denti stretti, tra pagine intrise di sofferenza, ingiustizie e indifferenza.

È la fotografia di un sistema perfettibile, in cui la fallibilità della rigida legge – che spesso si riduce, nell’applicazione della pena, ad un mero calcolo – comporta irrimediabilmente il fallimento del sistema stesso – seppure pensato con le migliori intenzioni – e, pur non volendo, getta nel baratro l’esistenza di innocenti già perduti alla nascita.

Io, dentro queste vite, mi sono persa.

E addentrandomi nelle sventure altrui ripensavo ai miei dolori, ma con altro cuore.

In fondo, senza meriti nasciamo non solo dalla parte giusta del mondo, ma anche nella casa giusta. Eppure, nel dolore ci assomigliamo tutti. Solo, ciascuno lo affronta con gli strumenti che la vita gli ha fornito.

Il vero punto di rottura, ciò che scuote le coscienze e toglie il sonno, sono bambini, prigionieri senza colpa, condannati dalla vita ad esistenze infelici, che nell’ICAM trovano rifugio, non pena ma beneficio, tutela e protezione alla loro esistenza. L’infanzia loro negata, lo smarrimento sul volto, sono pulcini che spizzicano piccoli bocconi di felicità nella miseria e la moltiplicano, donandola addirittura alle loro madri dal cuore mutilato, donne piegate dalla vita, depredate di ogni diritto, incapaci di scoprirsi deboli, belve impaurite ma comunque fiere, senza via d’uscita.

È stato come guardare un film di cui non vorresti scoprire il finale.

E nel cercare parole giuste per raccontarvi questa storia, mi arrendo. Capisco che le parole giuste sono tutte là dentro.

Dovete solo leggerlo.

Recensione di Paola Greco

Recensione 2

Con Marone mi rendo conto di non riuscire ad essere mai completamente neutrale, perché i suoi libri mi sono piaciuti tutti e ormai aspetto con trepidazione ogni nuova uscita. Ma credo di essere sufficientemente onesta dicendo che anche questa volta non mi ha delusa.
Un’ ambientazione simile a quella di “Almarina” di Valeria Parrella ma senza tutti i suoi manierismi e il suo egocentrismo, non siamo in un carcere ma in un Icam (Istituto a custodia attenuata per detenute madri) però ritroviamo le stesse paure, la stessa rabbia, a volte la rassegnazione e la voglia di riscatto.
Miriam e suo figlio Diego trovano amicizie vere, quasi una famiglia, tra quelle mura così soffocanti e lontane dalla libertà, quasi come se ogni personaggio fosse necessario all’altro per superare i giorni, i mesi, gli anni, che trascorrono sempre uguali uno all’altro.
Il legame tra Miriam e Diego però verrà spezzato al compimento dei dieci anni del bambino ed allora tutto cambierà.
Come si può resistere nei quartieri malfamati di Napoli? O ci si avvicina al nemico o si soccombe. E qualunque scelta potrebbe essere fatale.
Un mix di carezze e pugni nello stomaco per oltre trecento pagine. Preparate i fazzoletti.

Recensione di Lucrezia Centonze

LE MADRI NON DORMONO MAI Lorenzo Marone

ACQUISTALO DA IBS ACQUISTALO DA FELTRINELLI ACQUISTALO DA LIBRACCIO

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.