LA PORTA  Natsume Sõseki

LA PORTA, di  Natsume Sõseki

Avevo il piacere di conoscere qualcosa di più della cultura giapponese, perciò ho letto un romanzo giapponese. Solo che per capire il romanzo giapponese dovrei conoscere qualcosa di più della cultura giapponese.

 

LA PORTA  Natsume Sõseki Recensioni Libri e News Unlibro
Acquistalo su IBS

 

 

Ad ogni modo questa la storia di due coniugi, Sõsuke e Oyone, che conducono una vita che definire tranquilla è eufemistico. Le loro giornate si svolgono alll’insegna di una quiete monotonia, ma loro al mattino contano i bocciuoli dei convolvoli e ne gioiscono. Si amano (E si annoiano), si annoiano (ma si amano).

Tutto il romanzo si svolge sotto una cappa di quieta rassegnazione, quasi nella consapevolezza e accettazione di un destino avverso, ma giusto. Soprattutto il marito si rivela persona inetta, pigra, irresoluta.

Si viene poi a scoprire che il buco nero che ha inghiottito il loro futuro sta nel fatto di aver ceduto alla passione e aver contravvenuto alle regole di lealtà: lei era la fidanzata (seppur presentata come sorella…..) dell’amico di lui e insomma le corna son sempre corna, pure in Giappone e i giapponesi son carini, educati, cerimoniosi, ma non perdonano. Quindi i due subiscono l’allontanamento dalle famiglie e dalla società….

 

Se avete bisogno di leggere qualcosa per star svegli di notte, lasciate perdere, ma se amate le narrazioni quiete, piane, che poco a poco si insinuano dentro, leggetelo pure. Natsume Sõseki è il più grande scrittore del Giappone moderno (primi novecento).

Io ho capito una cosa: non credo sarei una buona moglie giapponese!

Recensione di Cristina Vercelli Racioppo

 

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.