LA LETTRICE TESTARDA Amy Witting

Su laFeltrinelli.it il regalo da Favola firmato Isabelle Allende
La lettrice testarda

LA LETTRICE TESTARDA, di Amy Witting

Non conoscevo l’autrice che poi ho scoperto essere una delle più affermate scrittrici australiane del ‘900 e il romanzo in oggetto, forse, il suo più famoso.

 

LA LETTRICE TESTARDA Amy Witting Recensioni Libri e News

Protagonista del romanzo è Isobel che incontriamo all’età di 9 anni, bambina non amata dalla famiglia ed in particolare dalla madre che ne spenge ogni minimo desiderio costringendola a fare di nascosto, di notte, la sola cosa cosa che la rende veramente libera : leggere, perché sua madre crede che non sia un’attività adatta a una bambina, che dovrebbe limitarsi a riordinare la casa e a preparare la cena.

Finché, a sedici anni, la sua vita subisce un cambiamento radicale , quando è costretta a lasciare tutto, cercarsi un lavoro e una nuova sistemazione in cui Isobel viene a scontrarsi con un mondo che non è solo la sua famiglia e il suo quartiere sentendosi sbagliata e inadeguata come sua madre l’ha fatta sempre sentire .

 

 

Successivamente Isobel incontra un gruppo di ragazzi che amano i libri come lei e passano le serate a discuterne, e inizialmente rimane in silenzioe, ha paura. Ma, lentamente, in un contesto dove può essere finalmente sé stessa e parlare liberamente di letteratura, le parole di grandi autori cancellano le sue insicurezze e le danno il coraggio di dire quello che pensa senza nascondere la cultura che si è costruita negli anni con le sue letture e realizzare il suo sogno di prendere una penna in mano e “liberare quel flusso di parole che ha trattenuto per troppo tempo”.

 

 

Perché “anche per una donna tutto è possibile”

Dunque, un romanzo di formazione al femminile, sulla scoperta del proprio posto nel mondo e la possibilità di decidere della propria vita in piena autonomia.

Il romanzo è ben scritto e si avvale di una scrittura lucida e tagliente non priva di accenti ironici ma non è riuscito a coinvolgermi più di tanto perché anche il tema “diritti delle donne” è più legato alle problematiche di una persona, la protagonista, che non a una rivendicazione in assoluto e soprattutto non riesco a trovare nell’intera narrazione un filo di passione.

Recensione di Lucia Lorenzini

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.