LA DONNA GIUSTA Sandor Marai

LA DONNA GIUSTA Sandor Marai Recensioni Libri e News Unlibro

LA DONNA GIUSTA, di Sandor Marai

“La donna giusta” è stato scritto nel 1941. È ambientato a Budapest durante la seconda guerra mondiale.

Questo romanzo è diviso in quattro parti; ognuna di esse racconta il punto di vista di un personaggio diverso, con un proprio modo di raccontare una stessa cosa che li ha coinvolti però tutti.

LA DONNA GIUSTA Sandor Marai Recensioni Libri e News UnLibroLa prima parte è raccontata da Marika, che parla del suo matrimonio con Peter. Lei è profondamente innamorata. Scopre che Peter era rimasto ancorato con il cuore ad una relazione passata, che gli impediva di vivere appieno il presente; “Ha tentato l’impresa più difficile. Ha cercato di cancellare il sentimento con la ragione”.Questa donna ha un carattere temerario e coraggioso; nonostante stia andando incontro alla fine di questa relazione, Marika fino alla fine ha ricercato la verità. “Ho scoperto che la persona giusta non esiste. Esistono soltanto le persone e in ognuna c’è un pizzico di quella giusta”.

Nella seconda parte è Peter a raccontare la sua versione del suo rapporto con la moglie. Lui era segretamente innamorato della serva, Judith; quando divorzia da Marika, sposerà proprio questo agognato amore. In realtà la ragazza lo tradirà e lo deruberà.

La terza parte è raccontata proprio da Judith e vediamo il suo punto di vista su Peter e la sua storia con il batterista.

L’ultima parte infatti è narrata proprio da lui, Ede, che si è trasferito a New York.

Voto 9: Marai scrivere con un’intensità disarmante, come descrive i dettagli e le emozioni. Questo romanzo, così come è strutturato, ci insegna che ognuno ha un punto di vista diverso dagli altri. Anche se tutti stiamo vivendo uno stesso momento insieme, ciascuno di noi lo descriverà in modo diverso. “Sai nella vita succede tutto quello che deve succedere e, alla fine, ogni cosa trova il proprio posto”; è un pensiero espresso da Peter ed è un piano di vita che io condivido pienamente. Non c’è bisogno di forzare nulla; quello che deve essere, sarà.

Non dobbiamo cercare la persona giusta né gli altri possono pretendere che noi lo diventiamo. Le cose cambiano continuamente, per fortuna o purtroppo; noi eravamo il “per sempre” di qualcuno e ora non lo siamo più. I dogmi non vanno rincorsi, ma sfatati.

Recensione di Graziana Ingrosso

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.