LA BIBLIOTECA DEI SUSSURRI Desy Icardi

LA BIBLIOTECA DEI SUSSURRI, di Desy Icardi (Fazi – dicembre 2021)

Dora è una bimba di pochi anni, che vive nella periferia di Torino, lungo il fiume di cui porta il nome, in una vecchia casa assediata dai cantieri di una città in espansione, insieme ai genitori, gli zii, un cugino e alla prozia Dorina.

Dorina degli spifferi la chiamano, perché in grado di sentire la tristezza degli spiriti rimasti impigliati in questo mondo ad infastidire i vivi. Anche Dora possiede questo talento, e accompagna la prozia nelle sue missioni di “disinfestazione”.

L’equilibrio della vecchia casa sulla Dora di infrange alla morte dello zio. Per vincere il dolore Dora e il cugino cominciano a frequentare la biblioteca, dove incontrano un anziano avvocato che diviene il loro mentore, indirizzando entrambi verso le letture più adatte per sviluppare le loro personalità.

Il rapporto tra Dora e l’avvocato, che ha come obiettivo quello di raggiungere i 100 anni di lettura, è tenero e profondo, arricchito dall’ingenuità di lei e dalla cortesia d’altri tempi di lui.

L’avvocato è intenzionato a fare di lei una lettrice competente, e quando sente che il suo tempo sta per scadere, le scrive una serie di lettere, da aprire in date future, dove lei trova suggerimenti per letture sintonizzate sul suo sentire di quel preciso momento.

Così l’avvocato continua ad accompagnarla nel mondo della letteratura, anche quando lei si trasferisce con la famiglia a Zurigo e quando lui non c’è più. E lei, grazie a quelle lettere e ai romanzi suggeriti, riesce a districarsi nel labirinto della vita di adolescente, immigrata, giovane donna innamorata.

Un romanzo che fa riflettere sul potere della letteratura e sull’importanza di avere dei buoni mentori che sappiano suggerire romanzi nei quali il lettore trova rispecchiata la sua anima.

Recensione di Maria Teresa Petrone
LA BIBLIOTECA DEI SUSSURRI Desy Icardi

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.