IL CAPPOTTO Nikolaj Gogol’

IL CAPPOTTO, di Nikolaj Gogol’ (Mursia)

 

Qualcuno è riuscito a leggere Sanguina ancora di Paolo Nori senza interromperlo per leggere o rileggere i libri di cui parla? Io no. E non solo Dostoevskij. Scelgo Il cappotto (o Il mantello, a anche La mantella, con un titolo femminile che conserva il genere della parola russa corrispondente, e con esso l’idea dell’innamoramento che lega il protagonista Akakij Akakijevic a questo vero e proprio oggetto del desiderio). Lo scelgo perché Dostoevskij diceva che tutti (gli scrittori russi successivi a Gogol) erano nati da Il cappotto. E perché è emblematico di quel realismo che convive senza imbarazzo con elementi che a noi forse sembrerebbero fantastici ma evidentemente non lo sono per la cultura russa.

Così Akakij Akakijevic è realistico quando cerca di convincere il sarto a rattoppargli il vecchio pastrano, quando si affama per riuscire a pagarne uno nuovo di zecca, quando si sente orgogliosamente uomo per essere riuscito a pagarlo, quando si lascia umiliare da un pezzo grosso al quale chiede di cercare i ladri che lo hanno derubato. E non è meno realistico quando, fantasma, deruba i passanti dei loro cappotti. Perché i sensi di colpa di chi ignora le sofferenze di un essere umano che appare insignificante, trascurabile, inutile o addirittura fastidioso, quando quelle sofferenze diventano pesanti quanto la morte, i sensi di colpa generano fantasmi più reali della nostra immagine riflessa in uno specchio, che diventa insostenibile.

Recensione di Alessandra Nieddu

IL CAPPOTTO, di Nikolaj Gogol’

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.