I FUOCHI DELL’AUTUNNO Irène Némirovsky

I fuochi (falò) dell'autunno

I FUOCHI DELL’AUTUNNO, di Irène Némirovsky

 

*viene accennata la trama*

Spesso è necessario distruggere tutto per poter ricominciare, come i contadini che in autunno bruciano le stoppie per preparare la nuova primavera: questa è l’esperienza di Bernard e delle sue tre vite, raccontate, insieme a quelle dei comprimari, nelle tre parti di cui è costituito questo splendido romanzo della Nemirovsky.

Conosciamo Bernard quando è un bellissimo ragazzo con ancora i calzoni corti, figlio di una tranquilla famiglia borghese che ha già immaginato il suo sereno futuro: del resto è buono, studioso e diligente. Arriva la guerra a far saltare gli equilibri e il giovane, appena compiuti i 18 anni, si arruola.

La guerra, però, è ben diversa da quale è presentata nel mito dell’eroe che si sacrifica per la patria e Bernard progressivamente cambia e si sente defraudato della sua giovinezza. Il Bernard che torna non è quello che era partito e se, quasi alla fine della guerra, aveva rifiutato il facile compromesso dell’amico traffichino, una volta rientrato non riesce ad abituarsi alla “normalità” e, pur avendo una bella e devota moglie, cerca altro: vuole recuperare quanto ha perso e non importa come.

Si fa prendere da una vita di ricchezza, vizio e dissolutezza e, poco alla volta, guadagna molto ma perde sé stesso. Del resto il mondo dei “ruggenti anni Venti” è quello dei soldi facili, delle donne libere, dei traffichini e dei profittatori e perché mai lui, Bernard, dovrebbe perdere queste opportunità?

Ci vorrà un’altra crisi e un’altra guerra perché finalmente comprenda che i propri errori si pagano, a volte a carissimo prezzo, e che ogni azione “privata” ha conseguenze per la collettività. E se sbagliare è umano, saper perdonare e ricominciare diventa fondamentale, come insegna Thérèse, la sposa oculata e fedele, capace di resistere a tutte le sirene e di mantenersi pura in una società che spinge alla corruzione.

Libro non semplice, anche perché fortemente introspettivo, ma molto attuale: quali sono le conseguenze di una “gioventù rubata” (dalla guerra o dalla pandemia, poco importa)? Quanto siamo consapevoli che le nostre scelte non sono mai esclusivamente personali? Qual è il peso dei sogni e degli ideali crollati? Chi può veramente essere definito padre?

Per rispondere talvolta occorre toccare il fondo e solo allora, forse, si può ricominciare. E gli errori saranno nutrimento per la nuova fioritura.

Recensione di Liria Cannata

I FUOCHI DELL’AUTUNNO Irène Némirovsky

I FUOCHI DELL'AUTUNNO Irène Némirovsky recensioni Libri e news
ACQUISTALO SU IBS ACQUISTALO SU LA FELTRINELLI ACQUISTALO SU LIBRACCIO

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.