HYPERION Dan Simmons

HYPERION Dan Simmons Recensioni Libri e News UnLibro

HYPERION, di Dan Simmons (Fanucci)

Ora vi spiego perché Hyperion è un must della fantascienza.

La base dell’intreccio è semplice e fa l’occhiolino a vecchi classici come “le cronache di Canterbury”; siamo ai confini della galassia e sette pellegrini dalle vite completamente differenti e dalle differenti motivazioni cominciano un viaggio verso un pianeta remoto e misterioso: Hyperion.

HYPERION Dan Simmons Recensioni Libri e News UnlibroMan mano che i personaggi raccontano la propria storia e quello che li lega al pianeta il mistero si infittisce e i pezzi del puzzle assumono ora contorni inquietanti, ora grotteschi, ora rivelatori, ora messianici.

Hyperion è un romanzo che vi terrà in sospeso, uno di quelli che appena prendete il ritmo vi faranno girare le pagine ancora e ancora per saperne di più.

La mitologia e il mondo creati da Simmons sono affascinanti, umani e dannatamente attuali.

Per tutto il libro, infatti, verrà portata avanti una critica velata e poi via via sempre più chiara alla globalizzazione e a come questa finisca per rappresentare una criticità invece che un passo avanti.

Questo si espliciterà meglio nel seguito, ma non corriamo troppo.

Torniamo a Hyperion.

Perché leggerlo?

Tanto per cominciare perché se Lovecraft avesse scritto un libro a quattro mani con Asimov avremmo avuto qualcosa del genere, ma poi perché ci restituisce una visione della fantascienza effettivamente innovativa.

Figura ricorrente all’interno della saga è il poeta John Keats, che non solo viene citato ma in alcuni casi è addirittura protagonista delle vicende; non vi dico altro perché sarebbe davvero un delitto.

Riguardo allo stile non lasciatevi ingannare dall’inizio didascalico: Simmons tende a usare molto la tecnica del raccontato quando parla del pellegrinaggio e va sul personale quando i vari personaggi raccontano le proprie vicende.

Ed è lì che Hyperion e il suo autore brillano di luce propria: ogni storia è narrata seguendo lo stile e la personalità di chi sta parlando, con alcune in terza persone che sono tratte da diari, ad altre che sono in prima persona e molto dirette.

Anche il genere delle storie cambia: pur essendo tutte misteriose, alcune verteranno più verso l’horror, altre verso la commedia e altre ancora verso il poliziesco, rendendo il tutto molto variopinto e interessante.

Hyperion in tutto questo è sia cornice che protagonista, un mondo contenente misteri grandiosi che continua a sfuggire alle definizioni e che presenta cose inspiegabili.

E dannatamente interessanti.

Andate sereni, Hyperion è davvero tanta, ma tanta roba.

Ah e mica per nulla aveva vinto anche il premio come romanzo di fantascienza dell’anno.

Recensione di Virgo Jones

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.