GLI SCOMPARSI DI CHIARDILUNA Christelle Dabos

GLI SCOMPARSI DI CHIARDILUNA, di Christelle Dabos

 Saga dell’ Attraversaspecchi vol. 2

Una delle cose più difficili per chi scrive una serie di più libri è riuscire a mantenere la stessa qualità in tutti i volumi. Il secondo libro della trilogia dell’Attraversaspecchi è, a mio parere, più interessante e avvincente del primo, e la rende una delle mie trilogie fantasy preferite.

Abbiamo lasciato Thorn e Ofelia a Chiardiluna, in una situazione preoccupante e in una relazione ambigua: sono fidanzati e ormai prossimi al matrimonio, ma non si conoscono affatto e non si capiscono. La situazione diventa sempre più difficile, con oscure minacce che si addensano su di loro.

GLI SCOMPARSI DI CHIARDILUNA Christelle Dabos recensioni Libri e News UnlibroNon riesco a trattenere l’entusiasmo, ho finito questo libro ieri e l’ho trovato bellissimo. La prima parola che mi viene in mente per definirlo è “delizioso”. E’ scritto davvero bene, con un linguaggio ricercato ma soave, e una vena ironica che spezza la tensione e rende la lettura scorrevole. L’ambientazione è il suo punto di forza: è delicata, buffa e piacevolissima. I luoghi, assolutamente fantastici e improbabili, sono descritti in modo talmente preciso da renderli verosimili. Le immagini si sono formate in modo spontaneo nella mia mente, e sono apparse vivide, divertenti, dai colori pastello. Anche i nomi dei luoghi, Città-Cielo, Chiardiluna, Anima, Sabbie d’Opale, evocano sentimenti di pace e serenità. Questo non significa che siano stucchevoli; anzi, mi è apparso evidente fin da subito che dietro l’apparente soavità, i luoghi e i personaggi siano tutt’altro.

Anche i personaggi sono particolari e stravaganti. Ma, se nella prima parte creavano un certo “folklore”, e la storia si concentrava in particolare su Ofelia e le sue esperienze in un ambiente nuovo e ostile, adesso diventano parte integrante della storia. Così, nuovi e vecchi personaggi acquisiscono spessore e carattere, e le singole personalità ci appaiono ricche di sfaccettature e per nulla banali.

Alla base della storia c’è un mistero, che si dipana lungo tutta la trama, e diventa evidente alla fine di questo secondo libro. Le emozioni, che mi erano un po’ mancate nel primo libro, non mancano invece in questo. Ho seguito la storia di Ofelia e Thorn con preoccupazione e ansia crescente, nella speranza di un lieto fine che, com’è ovvio, per adesso non è arrivato. Chissà che un giorno qualcuno non decida di prendere questa storia e farne un film. Immagino già le ambientazioni straordinarie e i buffi personaggi. Sarebbe sicuramente un gran bel film.

Recensione di Nella Patanè

Vai al primo libro della trilogia QUI

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.