CARO MICHELE Natalia Ginzburg

CARO MICHELE Natalia Ginzburg recensioni Libri e news

CARO MICHELE, di Natalia Ginzburg

Leggere romanzi epistolari mi ha sempre creato delle remore per il rispetto di una intimità violata,anche quando finta,creata a tavolino da un autore.

CARO MICHELE Natalia Ginzburg recensioni Libri e News

In questo caso invece la fantasia della Ginzburg ha partorito una trama che per fortuna rimane quasi sempre superficiale: non vi è un personaggio che emerge più dell’altro, non vi è una emotività più incisiva, non vi è un coinvolgimento affettivo, da parte del lettore, nei confronti di nessun mittente o destinatario.

Tutti appaiono e scompaiono con le loro storie. Michele è il fulcro di queste corrispondenze,ma di lui si evince,nella realtà non si conosce nulla,solo supposizioni. Anche un figlio,forse,si immagina ,sia suo.

 

E quindi la pena di una violazione con la quale ho affrontato le prime pagine si è trasformata in poco tempo in una lettura semplice e scorrevole di fatti che fondamentalmente sarebbero potuti capitare a tutti e che tutti avrebbero potuto ascoltare distrattamente riportati da un’ amica di un amico.

Quello che più di tutto ho vissuto durante la lettura è stata “l’ansia dell’attesa” : chi scrive a chi e chi risponde cosa in un walzer di indirizzi che oggi non esiste più; un’ ansia che oggi è stata praticamente azzerata dalla posta elettronica che con una vibrazione allenta la tensione di una risposta.

Recensione di Francesca Pozzo – Canta La Gallina

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.