A proposito di classici… CIME TEMPESTOSE Emily Bronte

Cime tempestose E. Bronte

A proposito di classici…

CIME TEMPESTOSE, di Emily Bronte

I percorsi che avvicinano alla lettura possono essere molteplici, anche i meno ortodossi.
Quando ero piccola (illo die) trovai in casa un settimanale di fotoromanzi dove sottoforma di
foto e fumetto scoprii la storia di Heathcliff e Catherine. Heathcliff aveva le sembianze di Giorgio Albertazzi.

Cime tempestose E. Bronte

Ma più che la storia d’amore, forse neppure adatta a una bimbetta, mi colpi’ la brughiera
che faceva da sfondo alla storia, con le piante di erica piegate dal vento del nord.

E proprio nello Yorkshire, con la brughiera intorno, crebbe Emily Bronte con le sue sorelle,
schiva e di salute malferma (morì a trent’anni).
Qui scrisse il suo unico romanzo dalla struttura insolita e fu subito un capolavoro. (anche se la
prima accoglienza fu negativa).
Siamo in epoca vittoriana e quella giovane donna con scarsa esperienza di vita stupisce
per il suo talento nel creare personaggi complessi con dentro tutte le gamme dei sentimenti, anche i più abietti.

 

 

Leggendolo in età adulta, scoprii non trattarsi esattamente di un romanzo d’amore, ma piuttosto di passioni violente e la natura selvaggia non è li a caso, ma è l’emblema della
tormentata vita dei protagonisti.
Siamo in pieno Romanticismo, per giunta con risvolti gotici.

Cime tempestose e’ soprattutto la storia di Heathcliff, trovatello adottato e cresciuto nel casale di Wuthering Heigts in un ambiente per lui troppo elevato che lo segnerà per sempre.

Il periodo dell’adolescenza passato con la quasi- sorella Catherine e’ uno dei momenti più
belli della vicenda perché la loro vita selvaggia e spensierata fatta di giochi e corse nella brughiera parla di un sentimento che se ne infischia delle differenze sociali e culturali.

 

Ma il ritorno alla realtà con la scelta di lei per un matrimonio al suo livello sociale segnerà
per Heathcliff l’inizio della vendetta che non è tanto contro l’amata, ma contro quell’ambiente che lo ha respinto e umiliato.

Da allora scende tutti gli scalini della vendetta e della degradazione.
Certe pagine fanno male… davvero un personaggio complesso.

Così ora ho per la terza volta incontrato questa storia, ma ne ho riletto solo la prima parte per rivedere i due in quell’epoca felice della giovinezza quando ci si dimentica per un momento di essere poveri o ricchi, rozzi o raffinati e si è solo due ragazzi nella brughiera spazzata dal vento.

Recensione di Ornella Panaro

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.