ROBINSON CRUSOE Daniel Defoe 

ROBINSON CRUSOE, di Daniel Defoe (Feltrinelli)

 

ACQUISTALO DA IBS ACQUISTALO DA FELTRINELLI ACQUISTALO DA LIBRACCIO

 

Anno 1719 Il romanzo di Defoe si incentra sul rapporto fra l’individuo, la società e la natura che è perseguitante o accogliente a seconda di come si presenta e di come con la ragione la si domina. Robinson Crusoe, il naufrago che sopravvive a se stesso, si può affermare sia che tenacemente sottomette la natura di un’isola selvaggia e incontaminata e sia che ne rispetta il ritmo naturale adattandosi e traendone i massimi benefici, a seconda di come si vuole interpretare la sua volontà di sopravvivere prima e di vivere dopo.

 

 

Certo Robinson non si lascia morire, come forse avrei fatto io di fronte a prove così difficili, e diventa imprenditore di se stesso riuscendo in un’impresa impossibile, facendo a meno della società di cui non sente affatto la mancanza e trovando appagamento nel costruire, coltivare, allevare e nutrire non solo il suo corpo ma soprattutto il suo spirito ringraziando di avere il necessario “aveva Valore ciò di cui potevo fare uso. Avevo da mangiare, il necessario per i miei bisogni: che mi importava del resto? Se avessi ucciso più selvaggina di quella da consumare avrei dovuto gettarla ai cani o ai vermi. Se avessi seminato più grano del mio fabbisogno si sarebbe sprecato”.

 

 

La vita è però fatta di equilibri precari che cambiano continuamente al punto che Robinson viene messo in crisi quando vede un’orma sulla “sua” spiaggia e si sente minacciato nella tranquillità raggiunta a fatica. Ma più di tutto Robinson è un vagabondo viaggiatore che ha sempre voglia di andarsene per il mondo; è questo forse l’aspetto del protagonista nel quale mi sono ritrovata di più.

Recensione di Barbara Gatti

ROBINSON CRUSOE Daniel Defoe

 

ACQUISTALO DA IBS ACQUISTALO DA FELTRINELLI ACQUISTALO DA LIBRACCIO

 

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.