NON SIAMO TUTTI AL MONDO NELLO STESSO MODO Jean-Paul Dubois

NON SIAMO TUTTI AL MONDO NELLO STESSO MODO Jean-Paul Dubois

NON SIAMO TUTTI AL MONDO NELLO STESSO MODO, di Jean-Paul Dubois

 

Vincitore del premio Goncourt 2019. Libro scritto dall’autore in 51 giorni.

Io l’ho trovato bellissimo, commovente e ben scritto. Lo consiglio vivamente.

Nella prigione di Montréal Paul Hansen sta scontando due anni di pena, e condivide la cella con Patrick Horton, membro di una banda di motociclisti accusato di omicidio.

Paul è un uomo per bene, onesto lavoratore, silenzioso. Perché è in prigione? Perché non si pente di ciò che ha fatto?

Lo sapremo solo alla fine del romanzo.

La storia si alterna tra ciò che succede in carcere, sul suo coinquilino di cella, sulle condizioni dure della prigione e sul passato di Paul dalla Francia del 1968, della sua famiglia, di ciò che è accaduto prima del suo arresto.

Questo libro è un libro che indaga sull’anima umano, sulla memoria, sulla giustizia, sulla capacità di vivere in pace con i propri fantasmi.

Recensione di Lucia Ferrante
NON SIAMO TUTTI AL MONDO NELLO STESSO MODO Jean-Paul Dubois

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.