NERO COME IL CUORE Giancarlo De Cataldo

NERO COME IL CUORE, di Giancarlo De Cataldo

È una Roma multietnica, quella in cui si muovono i protagonisti di questa vicenda. Ma un muro invisibile rende impossibile ogni speranza e possibilità di integrazione e di tolleranza. Da una parte, i quartieri romani del lusso, dall’altra la miseria, che soccombe, che urla, ma non viene ascoltata. Perché l’Uomo Nero incute terrore. Perché un negro morto è solo una seccatura in più.

NERO COME IL CUORE Giancarlo De Cataldo Recensioni Libri e news

Il corpo senza vita di Anawaspoto Ray, detto Al, trentaduenne cittadino sudafricano, viene ritrovato nei pressi della stazione Termini. Ad ucciderlo, un colpo d’arma da fuoco. L’avvocato Valentino Bruio ha un sussulto: quell’uomo, disperato, si era rivolto a lui perché ritrovasse suo figlio. Ma Valentino, stanco, sull’orlo del fallimento, senza una lira, sul punto di essere espulso dall’Ordine, lo aveva allontanato.

Rod, amico e titolare del Sun City, dove prima o poi, tutti i neri approdano, e Valentino con loro, lo esorta ad occuparsi del caso, convinto dell’inoffensività di Al. Tutta la comunità africana gli affida la ricerca della verità.

 

E Valentino accetta. Inizia a far domande, inizia a inseguire. Incomincia dai datori di lavoro del morto, i potenti Alga-Croce. Incomincia da Giovanna, troppo bella, troppo ricca, troppo tutto. Prosegue con il padre di lei, Noè, con il quale nasce un feeling spontaneo e immediato, eppure…

L’indagine si concluderà con una scoperta efferata e agghiacciante, capace comunque di mettere in discussione l’integrità morale di Valentino e il suo senso della giustizia.
Ma la commedia della vita va avanti, con i suoi vincitori e i suoi vinti.

 

Un Giancarlo De Cataldo agli esordi, prima di “Romanzo Criminale”, ma con una scrittura che ti avvolge e una storia che smuove le coscienze, che ci fa voltare le spalle, per non vedere, per non sapere, per la paura del diverso. Una storia che porta in superficie tracce silenziose di razzismo, forse presenti in ognuno di noi.

Buona lettura!

Recensione di Chiara Castellucci

 

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.