MYSTIC RIVER Dennis Lehane

Periferia di Boston: Jimmy, Dave e Sean, undici anni, famiglie diverse, amici come si può esserlo a quell’età, quando le differenze sociali già si sentono ma ancora non dividono. E in effetti non sarà la diversa condizione sociale ad allontanare i ragazzi ma un evento esterno, dirompente, che segnerà le loro vite. Un pomeriggio, durante un feroce litigio, vengono avvicinati da una macchina della polizia che prima li divide e poi porta via Dave. Proprio lui, non a caso: il più debole, che vuole solo stare con Jimmy, che non riesce a opporre resistenza agli ordini dei due adulti e sale su quella macchina. E di cui non si avranno più notizie per quattro giorni.

Questo l’antefatto; la storia si sposta poi in avanti di venticinque anni, partendo da un terribile fatto di sangue che metterà a confronto di nuovo i tre amici ormai adulti.

Questo libro funziona perfettamente: come ritmo narrativo, come scrittura, come caratterizzazione dei personaggi, come psicologia degli stessi. Il tipico libro che leggi tutto d’un fiato e che ti lascia soddisfatto.

Se poi hai negli occhi il riuscitissimo film che nel 2003 ne ha tratto Clint Eastwood, con Sean Penn, Tim Robbins e Kevin Bacon, la soddisfazione è ancora maggiore.

Un thriller che con molta semplicità parla della natura dell’uomo, del destino a cui non si scappa, della violenza e dei suoi effetti sempre devastanti anche quando non appaiono immediatamente deflagranti.

Recensione di Elena Gerla
MYSTIC RIVER Dennis Lehane

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.