MOBY DICK Hermann Melville

MOBY DICK Hermann Melville Recensioni Libri e News

MOBY DICK, di Hermann Melville

Ci vuole un bel po’ di risolutezza – come quella, ferrea e indistruttibile del capitano Ahab- per decidere da quale parte incominciare per raccontare “Moby Dick”, visti i possibili elementi di partenza, molteplici quasi come i tentacoli del calamaro gigante rosso che vi accoglie entrando nel “Whaling Museum” a New Bedford, Massachussets.

 

MOBY DICK Hermann Melville Recensioni Libri e News

E’ da qui che l’autore, Hermann Melville. partì nel 1841 a bordo di una baleniera ed è da qui che Ismahel, l’io narrante del romanzo, parte a sua volta, dieci anni dopo, decidendo di imbarcarsi -non solo su una baleniera- ma anche in quella che si rivelerà l’avventura per mare più prodigiosa della sua vita. Un racconto coinvolgente, che malgrado le infiorettature mistiche, gli ammonimenti biblici, le riflessioni intimistiche, profuse a piene mani, ci trasportano sensorialmente su quelle rotte, srotolandoci davanti come fossero scene di un film in bianco e nero, visioni di bonaccia e di tempesta, di branchi di squali e di cetacei, di vita di mare e di concitate, violenti, estenuanti giornate di caccia alla balena.

 

 

Un po’ diario di bordo, un po’ racconto autobiografico, un po’ manuale di marineria, con termini tecnici e ragguagli su strumenti di navigazione, Moby Dick è un compendio indefinibile, di qui la difficoltà di abbracciarlo tutto, vasto come i mari che solca. L’autore ci accompagna passo passo nelle oscure locande portuali, descrive l’imbarco e la preparazione di una baleniera, le giornate a bordo, l’equipaggio e gli ufficiali, gli incontri e visite cordiali con altre navi, storie sentite e raccontate.

 

 

Il suo zoom implacabile,cattura ogni cosa, la superficie del mare, colori, luci ed ombre, come praterie acquose, pascoli marini. Con precisione didascalica, fornisce miriadi di informazioni sulla caccia vera e propria, sulle varie fasi, sulla lavorazione, sulle tipologia di cetacei, sulle loro caratteristiche fisiche e dimensioni, sulla precedente letteratura, su miti e leggende, su superstizioni, su arnesi da lavoro, mostrando competenze non solo nell’arte baleniera e marinara, ma anche in storia, geologia, frenologia e chi più ne ha più ne metta.

La passione e l’amore per la caccia alla balena, che allora era un’ attività che aveva dell’eccezionale e fortemente epica, trasuda ad ogni pagina, come il grasso di capodoglio trasuda spermaceti.

 

 

Melville-Ismahel si sforza senza risparmio di dimostrarci la nobiltà e il decoro di tale arte, il coraggio e la forza insita nei marinai, la sua grandiosità rispetto ad altre attività marinare, meritevole di rispetto e considerazione. Lode alla balena pertanto, non solo ai balenieri. Animale portentoso, ammaliante, potente, fuori scala , traboccante di mistero. La caccia in sé è concentrata alla fine, in poche pagine : dopo aver girato per anni, in tutti i mari del mondo, si conclude in soli 3 giorni e il numero tre ritorna, magicamente, in quest’opera che è tutta infarcita di segni, presagi, profezie, simboli, mistero.

Ahab feroce, inumano, implacabile, spietato, reso folle dall’amputazione di una gamba, ne è l’emblema più totale.

Vecchio marinaio, dalla fronte grinzosa come una mappa nautica, divorato da una necessità di vendetta, fa della caccia a Moby Dick, la Balena Bianca, il Leviatano, la sua unica – ed ultima – spinta vitale. Come un despota regna sulla ciurma atterrita, tiene a bada i suoi ufficiali, inscena teatralmente giuramenti e riti sacri, non ragiona mai lui. Lui sente, sente e basta.

 

 

Alla fine- quando realizza che è giunto alla resa dei conti, fine della sua folle storia- una sola lacrima verserà in mare, in un momento- commovente- di debolezza e fragilità, il ricordo di una vita spesa male e di una famiglia mai vissuta. Fino all’ultimo respiro marinaio, fino all’ultimo fiato in gola “Ammaina!”

Recensione di Anna Caramagno

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.