MISSING NEW YORK Don Winslow

Missing New York di Don Winslow Recensione UnLibro

MISSING NEW YORK, di  Don Winslow

 

Premetto necessariamente che si tratta del primo romanzo di Winslow che leggo. La storia è quella di un detective umano e tenace che si occupa di un caso di rapimento di una bambina in circostanze sconosciute. Sarà disposto a licenziarsi e ad intraprendere un viaggio in giro per gli Stati Uniti alla ricerca della fanciulla scomparsa, sacrificando pure la propria vita privata e il rapporto con la moglie. Winslow allestisce un’opera dal vigore travolgente, capace di intrattenere con freschezza dalla prima pagina, guidando il lettore con la sua penna sempre molto puntuale e lucidamente telegrafica. L’intreccio tuttavia è ben lungi dal rappresentare qualcosa di innovativo, risultando a tratti prevedibile, se non anche poco credibile. I personaggi sono imbrigliati in una semplicità monodimensionale, privi di analisi introspettiva seppur l’abilità di Winslow di districarsi con una lucidità mai faticosa è – di per sè – di lodevole fattura. Una lettura consigliata qualora si fosse alla ricerca di un romanzo del tutto disimpegnato, molto scorrevole e piacevole, nonostante l’evidente mancanza di spessore intellettuale della quale è vittima questo Missing New York.

Recensione di Tommaso Aprigliano

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.