METAMORFOSI Ovidio

Metamorfosi Ovidio

LE METAMORFOSI Ovidio

“Tutto si trasforma, nulla muore”

Una specie di summa dei miti greco-latini, un migliaio di pagine (500 se si considera il testo latino a fronte) in cui Ovidio traccia una sorta di storia mitica del mondo e dell’Uomo attraverso le metamorfosi. Perché, come verrà detto per bocca di Pitagora nel XV libro, “non c’è nulla che duri in tutto il mondo! Tutto scorre, ogni immagine assume contorni fluttuanti”.
Assistiamo alla trasformazione di Dafne in alloro, di Scilla in mostro Marino, di Alcione in gabbiano, di Aretusa in fonte, di Aglauro in pietra, di Aracne in ragno. Di Ifi in uomo, di Iolao in giovinetto, di Callisto in costellazione.
Metamorfosi Ovidio

Ma al di là del contenuto, è la narrazione che per me ha qualcosa di prodigioso. Non è strutturata per racconti isolati, non per capitoli tematici. E’ un unico fluire, un gioco ad incastri in cui non si vede un centro, difficilmente si risale all’inizio e la fine è in divenire continuo. Un narratore prende la parola e racconta una storia, i cui protagonisti a loro volta raccontano storie, i cui protagonisti raccontano storie, e così via. Un passaggio di testimone da uno all’altro. Un racconto corale. Una specie di labirinto, in cui si corre a perdifiato come a rincorrere una piuma svolazzante; un labirinto da cui si fa fatica ad uscire, a meno di non possedere le ali di Dedalo e Icaro (ma attenzione a non volare troppo in alto). Sia in un senso che in un altro, svolgere il filo non è facile.

Non c’è nemmeno una linea diritta su cui procedere, perché la narrazione fa delle curve, nuove storie sbocciano lungo il percorso come fiori sui rami. Il filo che teniamo in mano si sfalda in tanti fili. Si cambia strada per un po’, si viaggia paralleli, e poi… non si sa. Il nostro viaggiare è ingarbugliato, insensato: fa salti, deviazioni, torna sui suoi passi, torna al punto di partenza per prendere nuove strade, oppure percorre la stessa strada ma non la si riconosce.

Una cosa non rimane mai uguale a se stessa (tutto scorre, diceva Eraclito).

Noi non siamo storie a sé stanti, ma parte di una storia più grande.

Il nostro viaggio non è diritto.

Leggere Ovidio, a distanza di 2013 anni (se si accetta 8 dc come data di stesura) è stata un’esperienza. Rimarrà sul mio comodino per tantissimo tempo

Recensione di Benedetta Iussig

Metamorfosi Ovidio

Su Bauzaar.it troverai oltre 3.000 prodotti per il tuo gatto. Scopri il tuo nuovo negozio di quartiere

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.