MAGNIFICAT Sonia Aggio

MAGNIFICAT, di Sonia Aggio (Fazi – settembre 2022)

 

Ottimo esordio letterario per la giovane (non tanto per dire: è nata nel 1995) Sonia Aggio. Questo suo primo romanzo è ambientato a inizio anni Cinquanta nel Polesine. Due cugine sono le protagoniste. Da una parte Nilde, dall’altra Norma. Entrambe orfane dei genitori, a causa della guerra, si ritrovano a crescere insieme, diventando praticamente sorelle. Lo snodo cruciale è il 1951, l’anno della terribile alluvione che devastò la zona, cambiandola radicalmente, oltre a provocare molte vittime.

Nilde, che è molto timorosa, vede aumentare la sua ansia quando un pomeriggio la cugina cade dalla bici. Infatti Norma, da sempre punto di riferimento per Nilde, non è più la stessa: è diventata scontrosa, non parla più con la cugina e scompare ogni volta che scoppia un temporale. Cosa è successo quel giorno che è caduta dalla bicicletta lungo l’argine del fiume? Cosa spinge Norma ad allontanare Nilde? Attraverso le due parti del romanzo, scritte rappresentando la realtà vista attraverso gli occhi delle protagoniste, il lettore si inoltra in un mondo misterioso e magico, tragico e fiabesco nello stesso tempo come quello del Delta veneto del Po.

Sonia Aggio ha un suo stile molto particolare, costruito con frasi brevi e spezzate, e riesce a mantenere sempre vivo l’interesse del lettore: brava davvero.

Recensione di Moreno Migliorati
MAGNIFICAT Sonia Aggio

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.