LUMEN Ben Pastor

Lumen Ben Pastor

LUMEN, di Ben Pastor

Cracovia, Ottobre 1939: la Polonia è stata da poco invasa dai tedeschi. Il capitano della Wehrmacht Martin Bora si trova coinvolto nell’omicidio di una suora in odore di santità e contemporaneamente nello strano suicidio di un suo commilitone.

Quando leggo scrittori che non conosco nemmeno di fama, mi piace prima concludere la lettura e solo dopo cercare informazioni sull’autore. Questo perché così facendo sono certa che la lettura non risenta di antipatie/simpatie superficiali legate alle vicende personali dell’autore e soprattutto perché spesso ho avuto delle vere sorprese.
Come in questo caso: non avrei mai immaginato che Ben Pastor, autore di questo giallo storico, fosse una settantenne scrittrice italiana naturalizzata statunitense.
Avrei piuttosto pensato a qualcuno che quel periodo lo avesse vissuto davvero, che avesse conosciuto la violenza degli invasori, lo squallore del fanatismo nazista, i dubbi e i turbamenti di chi ha rinunciato al libero arbitrio per indossare una divisa.

Veramente brava, Ben Pastor: il suo capitano Bora, ispirato all’attentatore di Hitler, è davvero interessante e credibile. Lumen è il primo di una serie a lui dedicata, continuerò a leggerla.

Recensione di Elena Gerla
Lumen Ben Pastor

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.